Cerca

Dalla parte sbagliata

Dai comunisti ai grillini, chi coccola l’Isis

Dai comunisti ai grillini, chi coccola l’Isis

Dalla parte sbagliata della storia c’è il solito pienone. Composto dalla solita compagnia: comunisti (ex, post o neo che dir si voglia), grillini, cattolici adulti, benpensanti assortiti. Tutti a non capire (o a fare finta, che è persino peggio) che qui si è in presenza di gente - i tagliagole islamisti - per cui il nemico siamo noi in quanto tali. E tutti di conseguenza a prodursi in distinguo, giustificazioni, benaltrismi, pacifismi e a ritirare fuori dall’armadio il consueto armamentario tardo-ideologico a base di dialogo, islam moderato e responsabilità dell’Occidente. Tutto, pur di non guardare in faccia la realtà.

A confermarsi un passo avanti a tutti sono i Cinque stelle. Fedeli al verbo del cittadino Di Battista, quello secondo cui i terroristi dell’Isis sono soggetti con cui bisognerebbe «intavolare una discussione», i girllini ieri hanno presentato una risoluzione per impedire l’invio di armamenti ai curdi chiedendo invece di concentrarsi sulle iniziative umanitarie e di intelligence. Picco assoluto la richiesta di «una Conferenza di Dialogo Politico tra le parti, che preveda anche meccanismi di secondo livello per la partecipazione delle società civile», perché è noto che nulla spaventa quanti vanno in giro a tagliare teste in nome di Allah come la mobilitazione della società civile.
Su posizioni non dissimili (il mazzo resta pur sempre quello) i vendoliani, al pari dei grillini contrari all’invio di armi e al pari dei grillini favorevoli ad affrontare la questione a colpi di volemose bene : da cui la richiesta della consueta «conferenza di pace» da promuovere al più presto e, soprattutto, dell’obbligatorio autodafè sull’Occidente miope e cattivo che dell’Isis risulta essere padre nobile (il deputato Palazzotto sollecita a tale scopo «un ragionamento sulle nostre responsabilità nell’ultimo decennio, come se non ci fosse una responsabilità grande e non si potesse leggere in questo quadro il fallimento delle politiche estere sotto la guida degli Stati Uniti»).

Non poteva mancare all’appello Laura Boldrini, che di certo equilibrismo dialogante è considerata virtuosa. Intervistata dal Secolo XIX, la presidente della Camera più in là di un generico riferimento alla «matrice qaidista» del terrorismo non si spinge, come se l’Islam non c’entrasse nulla. Allo stesso modo, non potevano mancare in quota cattocomunisti quelli delle Acli, secondo il cui presidente Gianni Bottalico l’Isis non si combatte con le armi ma «facendo luce e mettendo di fronte alle loro responsabilità quanti hanno finanziato ed armato questa orda di violenti dell'Isis, (...) che si è radicata nell'Iraq disastrato in seguito alla lunga guerra di occupazione americana».
Il guaio è che la voglia di coprirsi gli occhi per non vedere quello con cui si ha a che fare è assai diffusa. Non si spiegherebbe altrimenti il parere largamente favorevole con cui gli internauti di tutto il mondo hanno salutato la decisione - non si sa se più pavida o più demenziale - dei vertici di YouTube e Twitter di rimuovere il video dell’esecuzione di Jim Foley in nome della retorica smielata del “ricordiamolo da vivo”. Tuti contenti e tutti sollevati. Perché finché le cose non le vedi, puoi ancora fare finta che non esistano.
m. g.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dopolatempesta

    22 Agosto 2014 - 13:01

    "intavolare una discussione" ...... Io funziono cosi: se qualcuno di età dai 14 in sù viene lì e senza ragione mi da un calcetto, poi due, poi tre.... alla fine di questo prende una sberla con rincorsa e a mano aperta tanto per cominciare. Chiaro che se avessi per le mani l'islamico sgozzatore del povero Foley intavolerei una discussione per capire le sue ragioni profonde. Si, sicuro!..si si!

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    22 Agosto 2014 - 10:10

    Nella foto si vedono i classici M16 americani.I terroristi come arma principale utilizzano l'AK 47 ed indossano la Kefia,non il mefisto.Siamo sicuri che siano terroristi dell'isis?

    Report

    Rispondi

  • marco50

    22 Agosto 2014 - 00:12

    Coperti, come le loro donne obbligate ad esserlo. Scendete dal pero,Il Dio della Bibbia, non è quello vostro! Imparate il Corano come si impara una canzone di Celentano. In tutti i casa al giudizio divino arriverete anche voi e si vedrà, Dio,sicuramente, non vi premierà per avere sgozzato un giornalista,statene sicuri.

    Report

    Rispondi

  • marco50

    21 Agosto 2014 - 23:11

    You tube e Twitter sono polically corret grappa. basta fare i propri bussines..... Ma andate a cagare cialtroni! Chry, guarda che non guadagni buoni pasto a dire minchiate, però se insisti magari qualche centro sociale te lo fornisce. Ma tu nel 2001 ce l'avevi la bandiera della pace s,appesa sul balcone ? Quei tagliagole, li hanno sempre difesi i comunisti ed oggi anche i Grillini. Capito?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog