Cerca

Gaffe

Isis e curdi: in Parlamento regna la confusione

Isis e curdi: in Parlamento regna la confusione

Il Parlamento ha dato l'ok per l'invio di armi ai curdi che devono difendersi dall'avanzata dell'Isis in Iraq. Una decisione quella delle Camere che ha creato diverse tensioni tra maggioranza ed opposizione. Ma a quanto pare non tutti i parlamentari hanno ben chiaro il quadro  della crisi irachena. Come racconta il Fatto Quotidiano tra onorevoli e senatori regna una confusione bipartisan.

"I cagai" - Ad esempio Carlo Sibilia del Movimento Ciqnue Stelle non ricorda nemmeno chi sia il premier iracheno: "Su questo noi come M5s non ci siamo soffermati, ci sono stati troppi avvicendamenti in questi anni". In realtà Al Maliki è stato ininterrottamente premier dal 2006 all'11 agosto scorso, per poi lasciare il posto a Haider al-Abadi. Ma il grillino ha le idee confuse anche sulle minoranze che sono nel mirino dell'Isis: "Bisogna guardare con attenzione agli yazidi, i cagai e altri". Ma quando qualcuno gli chiede chi siano i "cagai", Sibilia glissa: "Soffermarsi sulle singole minoranze è riduttivo...".

"Isis chi?" - Poi è il turno di Antonio Razzi: "Serve dialogo, non armi. Io parlo abruzzese. L'Isis? Non so chi siano. Ogni tanto esce un gruppo nuovo e si dà un nome, per confondere le idee...". Giuseppe Fiorni del Pd ha invece qualche problema con i peshmerga: "Sono quelli sottoposti agli attacchi, al genocidio, il governo curdo". In realtà i peshmerga sono l’esercito di uno Stato che non esiste, il Kurdistan. Il loro nome, nella traduzione letterale più accreditata, significa “colui che si trova di fronte alla morte” (pesh: prima, merga: morte). Insomma a quanto pare le idee tra gli scranno di Montecitorio e palazzo Madama sulla crisi irachena non sono chiarissime. Serve un breve "ripasso"...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gregio52

    22 Agosto 2014 - 19:07

    Come sempre i nostri politici si dimostrano quello che sono : "Coglioni ignoranti legalizzati assetati di denaro altrui". Ormai, non pessimista ma realista, finché abbiamo questi soggetti non riusciremo a salvare questo paese. Qui ormai serve solo un cosa ... a voi la risposta.

    Report

    Rispondi

  • ramius

    22 Agosto 2014 - 18:06

    ignorantoni al cubo ma la tristezza è che questi analfabeti decidono i nostri destini sia nel bene ma soprattutto nel male povera Italia

    Report

    Rispondi

  • highlander5649

    22 Agosto 2014 - 14:02

    questi sanno bene quanto percepiscono di indennità, la dislocazine geografica esatta della loro beneamata poltrona insomma sono completamente avulsi dalla realtà quotidiana sembrano robot. sarei felice se si trovassero nelle mani di qualcuno dell'ISIS per loro significa solo *indennità supplementare integrativa settimanale* - questo la testa non ce l'hanno. inutile tagliarla!

    Report

    Rispondi

  • mostardo

    22 Agosto 2014 - 13:01

    Indubbiamente cialtroni, ma mi sembra che Gasparri non c'entri. che significa la sua foto?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog