Cerca

Meno di 4 secondi

Cassazione, semaforo giallo lampo: ma la multa si paga lo stesso

11
Cassazione, semaforo  giallo lampo: ma la multa si paga lo stesso

Il giudice di pace gli aveva dato ragione. La luce gialla del semaforo era durata meno di quattro secondi. E per questo, lui, la multa per essere passato col rosso, non la doveva pagare. La Corte di cassazione, però, gli ha dato torto, riconoscendo al Comune di Montevecchia in provincia di Lecco il diritto a riscuotere la sanzione. E invitando il Tribunale di Lecco ad adeguarsi al principio affermato.

Tempi ridotti - Il ricorso dell'automobilista si basava sul fatto che, fotogrammi alla mano, la luce gialla di quel semaforo di Montevecchia era durata meno di quattro secondi. E che dunque lui aveva avuto un tempo troppo ridotto per frenare. La durata di quattro secondi della luce gialla dei semafori dovrebbe essere adottata sulle strade urbane in base a una nota del ministero dei Trasporti (la numero 67906).

La pronuncia - La sentenza 18740 della Cassazione richiamata da Il Sole 24 Ore dice invece che l'automobilista dovrebbe adeguare la sua velocità allo stato dei luoghi senza contare troppo sulla durata dell'esposizione della luce gialla perché questa "non costituisce un dato inderogabile". E cita il Codice della strada per il quale "il tempo minimo di durata di detta luce non può mai essere inferiore a tre secondi", ossia il tempo di arresto di cui ha bisogno un veicolo che proceda a una velocità non superiore ai 50 chilometri orari secondo uno studio del Consiglio nazionale delle ricerche.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ilsognodiunavit

    13 Ottobre 2014 - 14:02

    Camminando a 50 Km ora,i tre secondi del giallo ti permettono di percorrere circa 50 metri , ecco che a questa velocità i 50 metri ti permettono di frenare agevolmente, mentre se la distanza dalla tua auto,nel momento che scatta il giallo,è inferiore a 50 Metri e tu passi,il semaforo non ti multa perchè il rosso non è ancora scattato,Tutto questo vale se il giallo dura almeno i 3 secondi di legge.

    Report

    Rispondi

  • routier

    05 Settembre 2014 - 10:10

    Sappiamo tutti che l'automobilista (ancorchè corretto) è diventato il bancomat di uno Stato predatore. Ma fino a quando ? Andando tra la gente si avvertono malumori che dovrebbero togliere il sonno ai nostri politici.

    Report

    Rispondi

  • Il Popolo

    04 Settembre 2014 - 14:02

    I giudici, la cassazione sono in perenne conflitto d'interessi quando giudicano lo stato ovvero il loro datore di lavoro. Pensato solo di vincere una causa contro un ente e il giudice compensa le spese. Dunque pagate avendo ragione. in questo caso il giudice ha un conflitto grande come una case avendo tutelato non il danneggiato ma il suo datore di lavoro. bella Italia

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media