Cerca

Scandalo in sacrestia

"Ha l'amante": arciprete cacciato
E Taormina resta senza chiese

Don Salvatore Sinitò accusato di avere una focosa love story con una giovanissima catechista

"Ha l'amante": arciprete cacciato
E Taormina resta senza chiese

C'è chi vorrebbe andare a messa o, semplicemente, entrare per dire una preghiera. E chi si deve sposare, ma non può farlo. Perchè Taormina, la perla del turismo siciliano sul mar Jonio, in questi giorni si mtrova con le porte delle chiese sbarrate. E non si sa per quanto. All'origine della serrata c'è una di quelle storie "pruriginose" tipiche della provincia italiana, con l'aggravante che il suo protagonista (involontario) è un prete: don Salvatore Sinitò. Il quale, a 60 anni, è stato costretto alle dimissioni dall'arcivescovo Calogero La Piana dopo un tam tam di voci in paese che lo vogliono protagonista di una focosa love story con una giovanissima catechista. Una voce oggi, una domani. E l'arcivescovo ha scelto la via più dura. Così don Salvatore ha lunedì scorso, come scrive "La Repubblica", ha consegnato le chiavi di tutte le chiese delle chiese all'arcivescovado di Messina e si è trasferito a casa della madre. "Me ne vado a testa alta - dice il prelato - per non spaccare ulteriormente la comunità dei fedeli. Ma quella ragazza è la fidanzata di mio nipote e ha 25 anni. Io ne ho 60 ed è semplicemente ridicolo attribuirmela come amante". Dall'arcivescovado di Messina, scrive ancora "Repubblica", sono corsi ai ripari, nominando don Carmelo Lupò , vicario dell'arcivescovo La Piana, nuovo arciprete di Taormina. Ma con il fine settimana alle porte è probabile che decine di matrimoni e di funzioni religiose saltino tra domani e domenica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gcarlo19

    24 Ottobre 2016 - 23:11

    Sono tutti ipocriti, fanno i sacerdoti per sistemarsi, non hanno problemi di mantenere una famiglia, e poi predicano il cristo, mangiandosi il buono, e lasciando a noi il tristo. Sono fedele, credo in un possibile dio ho una mia personale religiosità, ma a loro proprio non credo, tranne qualche eccezione.

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    06 Settembre 2014 - 19:07

    Non capisco perché uno per essere sacerdote debba rinunciare alla figa. È contro natura..

    Report

    Rispondi

  • car-men

    06 Settembre 2014 - 14:02

    Certo è tutto da appurare e controllare ma chi ha scritto questo articolo forse dovrebbe ripassare un pò la grammatica e rileggere prima di stampare per evitare brutte figure!!!!!

    Report

    Rispondi

  • zydeco

    06 Settembre 2014 - 13:01

    Se fosse stato pedofilo e omosessuale, sarebbe ancora li'.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog