Cerca

Mafia capitale

La signora Carminati, assunta dalla coop rossa per il mutuo

La signora Carminati, assunta dalla coop rossa per il mutuo

Per farsi concedere il mutuo dalla banca e "giustificare" così l'acquisto della villa di via Monte Cappelletto a Sacrofano, il boss Massimo Carminati ha bisogno che la sua prestanome - la convivente Alessia Marini - abbia un contratto di lavoro. Nessun problema. Ci pensa la coop rossa di Salvatore Buzzi ad assumerla. Riporta il Fatto quotidiano: un mese dopo il desiderio di Carminati è esaudito: la signora Marini firma il contratto. Lui commenta: "Adesso mi prendo una busta paga alta per il mutuo". 

Alta tensione - La villa di proprietà della signora Cristina De Cataldo ha però un difetto: un traliccio dell'alta tensione che dice Carminati: "Chi entra là e lo vede e sente quel rumore dice: è stato un piacere. Io me so spaventato...". Problema che il boss riesce però a risolvere: "Forse c'ho la mossa per leva' il traliccio", rivela ad un amico: "c'ho l'uomo in Acea, senti quanto vuole". La De Cataldo ignora di trattare con un boss - "se sapeva chi ero je pijava un infarto" - e chiude a 500mila euro. Carminati le dà un anticipo di 20mila euro in contanti, poi altri 147mila dal mutuo, il resto da contanti e nero.

La ristrutturazione - Ovviamente la villa va sistemata. Ma anche in questo caso nessun problema. Carminati "utilizza risorse drenate dalle cooperative riconducibili a Buzzi". Il tutto avviene emettendo fatture che che vengono giustificate come "prestazioni lavorative" per il "campo nomadi di Castel Romano".  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Royfree

    05 Dicembre 2014 - 19:07

    Poi se la prendono con quei piccoli commercianti che non hanno tutte le carte in regola. Stato ladro, truffaldino e corrotto.

    Report

    Rispondi

  • giuseppe.pollastri@libero.it

    giuseppe.pollastri

    05 Dicembre 2014 - 18:06

    Quanto sinora emerso in questi giorni a Roma è una PICCOLA PARTE di un GRAN MARCIO MOLTO PIù GRANDE E DIFFUSO. Già ANNI fa il Corriere della Sera, come altri mezzi d'Informazione a stampa ed online, riportarono frasi dall'Audizione di 3 Procuratori della Repubblica di Tivoli in Regione Lazio ai tempi di Marrazzo Govern.: "..UN TERZO DEI COMUNI è AMMINISTRATO IN MODO CRIMINALE ..."ma NULLA cambiò

    Report

    Rispondi

  • brontolo1

    05 Dicembre 2014 - 16:04

    i "rossoneri"(senza essere milanisti)!

    Report

    Rispondi

  • aresfin

    aresfin

    05 Dicembre 2014 - 14:02

    Ma che strano, sarà solo una coincidenza? Questi ipocriti komunisti credono che gli italiani siano tutti dei coglioni? Razza bastarda.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog