Cerca

Bergamo

Rom, abbandona figlia di 7 anni, assolto: "E' abituata"

Rom, abbandona figlia di 7 anni, assolto: "E' abituata"

Lui ha 48 anni, è di origini rom, è vedovo e padre di 10 figli. Qualche giorno fa a Bergamo aveva lasciato da sola la bimba di 7 anni per andare a fare l'elemosina, ma è stato assolto dall'accusa di abbandono.

Il caso - Nel centro di Bergamo, qualche giorno fa, alcuni vigili notano una bambina vagare da sola; il padre l'aveva lasciata sulle scale delle Poste centrali di Bergamo, mentre lui chiedeva l'elemosina poco distante. I vigili, dopo aver rintracciato il padre, lo denunciano per abbandono di minore, ma la sentenza è clamorosa. L'uomo, infatti, viene assolto dall'accusa in quanto la bimba, essendo rom, "è abituata a questo tipo di situazione".

La sentenza - Per il gip Tino Palestra insomma il fatto non costituisce reato. Nella motivazione spiega che in questo caso l'abbandono della bimba non l'aveva esposta "a nessun tipo di pericolo (ciò avviene - dirlo sembra cinico, se non addirittura venato di razzismo, ma è semplicemente realistico - quando i bimbi stessi sono abituati a queste situazioni e conoscono perfettamente lo stile di vita nel quale sono destinati a crescere, senza che lo Stato-tutela ritenga di intervenire in qualche modo)". Tanto è vero che gli stessi vigili non si erano rivolti ad alcuna agenzia di protezione dell'infanzia e la stessa Procura minorile aveva già riaffidato la piccola al padre, "di fatto valutando come non abbandono nel senso pregnante del termine ciò che il padre aveva appena fatto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Paolo1946

    20 Dicembre 2014 - 10:10

    Quel magistrato è semplicemente un cretino.

    Report

    Rispondi

  • fulcrum29

    20 Dicembre 2014 - 10:10

    Una conferma che in italia le leggi valgono soltanto per gli italiani regolari: zingari, clandestini preti e politici sono esentati da qualunque obbligo.

    Report

    Rispondi

  • alkhuwarizmi

    20 Dicembre 2014 - 07:07

    "Cultura rom" ed approccio ideologico del magistrato. Una combinazione perversa. Che schifo.

    Report

    Rispondi

  • cabass

    19 Dicembre 2014 - 18:06

    Una volta tanto che un giudice usa il buon senso, lo criticate! Sostanzialmente ha detto: questi sono scafati sin dalla tenera età e non corrono pericoli stando per strada. Nulla di più vero! Al limite, se proprio vogliamo criticare il magistrato, possono essere gli stessi zingarelli dei pericoli per il portafoglio dei passanti e pertanto non dovrebbero essere lasciati liberi di girare da soli...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog