Cerca

In Vaticano

Raul Castro incontra Papa Francesco: "Grazie per il disgelo"

Raul Castro incontra Papa Francesco: "Grazie per il disgelo"

Il presidente cubano Raul Castro è stato ricevuto da Papa Francesco in Vaticano. L'incontro tra Francesco e Castro è durato circa un'ora, al termine della quale i due interlocutori si sono salutati con una lunga stretta di mano. Il presidente cubano ha espresso gratitudine a Bergoglio per il prezioso aiuto della Santa Sede nelle trattative per la normalizzazione delle relazioni tra Cuba e gli Stati Uniti. "Ho ringraziato il Santo Padre per il suo contributo al riavvicinamento tra Cuba e gli Stati Uniti", ha detto lo stesso Castro, uscendo dall'Aula Nervi.

"Nel colloquio - ha spiegato padre Federico Lombardi portavoce della Santa Sede - si è parlato anche dell'accoglienza che verrà data dai cubani al Papa" nella visita del prossimo settembre.
Papa Francesco ha donato a Raul Castro una medaglia con l'immagine di San Martino che riveste un povero con il suo mantello. "San Martino che con il mantello copre il povero e' un'intuizione di quello che dobbiamo fare: dobbiamo coprire la miseria della gente e poi promuovere la gente. Mi piace molto regalare questa immagine perché è un segno di buona volontà", ha detto Bergoglio al presidente, al quale ha donato a anche l'esortazione apostolica "Evangelii gaudium", documento programmatico del suo Pontificato.

"Questo è il testo dove ci sono alcune di quelle dichiarazioni che a lei piacciono", gli ha detto accennando al fatto che il testo ha "una parte religiosa e una parte sociale". Da parte sua, Raul Castro ha donato a Francesco una medaglia commemorativa dei 200 anni della cattedrale dell'Avana. "Di queste medaglie ce ne sono solo 25, e una e' questa", ha spiegato. A Francesco Castro ha consegnato poi anche un quadro del cubano Kacho,che raffigura una croce realizzata con barconi come quelli che trasportano i migranti e con davanti una persona inginocchiata a pregare: il quadro, hanno detto i rappresentanti cubani, realizzato espressamente per la visita, e' ispirato al viaggio fatto nel luglio 2013 dal Papa a Lampedusa. Kacho era presente nella delegazione e Castro ha potuto presentarlo a Bergoglio.

Lasciato il Vaticano, Castro ha raggiunto Palazzo Chigi dove alle 11 è stato accolto dal premier Matteo Renzi.

Papa Giovanni Paolo II aveva ricevuto il fratello di Raul, Fidel Castro, nel 1996 e nel 1998 aveva compiuto uno storico pellegrinaggio a Cuba, seguito da Benedetto XVI nel 2011, quando ad accoglierlo c'era gia' il presidente Raul ma anche Fidel pote' incontrare Ratzinger. "La Chiesa cattolica cubana - ricorda oggi il sito specializzato Vaticaninsider - gia' da molti anni sostiene il processo di dialogo per favorire l'apertura di Cuba al mondo e del mondo a Cuba, per usare un'espressione di Giovanni Paolo II.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Anna 17

    Anna 17

    10 Maggio 2015 - 13:01

    Pazzesco, ora Francesco riceve pure ladri ed assassini. I Castro hanno tenuto nell'indigenza, povertà e fame un popolo per oltre 50 anni e vengono ricevuti da un papa???? Già non dimentichiamo che sono i sui fornitori ufficiali del contenuto della famosa borsa nera che non abbandona mai. In ogni caso fanno schifo tutti e due.

    Report

    Rispondi

  • rocc

    10 Maggio 2015 - 13:01

    grazie per il disgelo...ma il disgelo è meritato? ovvero le condizioni di libertà e diritti umani a Cuba sono finalmente migliorate o sono rimaste come prima? temo la seconda

    Report

    Rispondi

blog