Cerca

La sanzione

Antitrust, multe da 6 milioni a Enel, Eni e altre 5 imprese: attivazione di forniture non richieste

Antitrust, multe da 6 milioni a Enel, Eni e altre 5 imprese: attivazione di forniture non richieste

Multe per 6 milioni di euro dall'Antitrust a sette imprese di luce e gas per l'attivazione di forniture non richieste: si tratta di Enel Energia (sanzione di 2,15 milioni), Eni (2,1 milioni), Acea Energia (600mila euro), Hera Comm (366mila), Gdf Suez
Energie (200mila), Green Network (340mila) e Beetwin (320mila euro). È quanto annuncia la stessa Autorità dopo che nel corso del mese di novembre ha chiuso sette procedimenti sulle modalità di offerta e conclusione dei contratti a distanza di energia elettrica e gas naturale nel mercato libero, ovvero quelli raccolti attraverso la rete degli agenti porta-a-porta e attraverso il canale telefonico (il cosiddetto teleselling).

Durante i procedimenti istruttori, avviati tra ottobre 2014 ed aprile 2015 sulla base di numerose segnalazioni di singoli consumatori, associazioni di consumatori, imprese concorrenti, l'Autorità per l'energia elettrica (Aeegsi) ha reso un articolato parere, nell'ambito della collaborazione prevista dal Protocollo di Intesa tra le due Autorità. Le ispezioni presso le imprese si sono avvalse, inoltre, della collaborazione del Nucleo Speciale Antitrust della Guardia di Finanza.

A giudizio dell'Antitrust, i 7 operatori hanno alterato "considerevolmente la libertà di scelta dei consumatori, adottando
procedure di contrattualizzazione in violazione del Codice del Consumo. Queste pratiche sfruttavano il contesto di asimmetria
informativa in cui avvengono le scelte dei consumatori, a causa della complessità intrinseca delle offerte commerciali di energia elettrica e gas naturale nel mercato libero".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • melinasalerno

    11 Dicembre 2015 - 21:09

    L'ENI mi ha fatto una proposta clamorosa per telefono, impossibile non accettare,all'inizio arrivavano bollette bassissime ,al momento del conguaglio mi è arrivata una bolletta da 5.000,00 € .FINALE:pratica in mano ad un legale

    Report

    Rispondi

    • monica.ginelli

      21 Dicembre 2015 - 18:06

      A me è successo lo stesso, è arrivato il primo conguaglio dopo due anni e mezzo , una bolletta da 13.600 euro da pagare a fine dicembre. anch'io mi sono rivolta ad un legale . Ma dimmi hai vinto la causa o hai dovuto pagare?

      Report

      Rispondi

  • LUPINO GIOVANNI MARIA

    11 Dicembre 2015 - 06:06

    Infatti i grandi ingegneri ENEL, hanno la possibilità di usare l'ambiguità truffa, alzano e abbassano i valori della energia elettrica come un amplificatore attraverso un computer, con la scusa dei gestori, è più facile truffare circa il 50% a tutti i clienti. Ci vorrebbe un severo controllo della finanza per cambiare sistema dei contatori come sono adesso che li telecomandano a carico e scarico.

    Report

    Rispondi

  • grandeciccioanastasi

    09 Dicembre 2015 - 17:05

    meno male che abbiamo un corpo di finanza di primo ordine! GRAZIE

    Report

    Rispondi

  • Siviste

    04 Dicembre 2015 - 12:12

    Per non parlare del fatto che quando fatturano, l'importo non è dato dall'ultima rilevazione fatta o dall'apertura comunicata, ma ben si comprende pure la stima dei consumi dall'ultimo dato rilevato a quello del giorno di fatturazione. E poco importa se magari scalano sulla fattura successiva, noi anticipiamo soldi veri e loro li rendono con una sottrazione sulla carta.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog