Cerca

I conti in tasca

Paghi 7 euro ma costa uno
Ci truffano ogni volta
che compriamo qualcosa

Dalla pizza al caffè, dai jeans ai libri: i rincari tra i costi e i prezzi al pubblico sono sproporzionati e ingiustificati

Paghi 7 euro ma costa uno
Ci truffano ogni volta 
che compriamo qualcosa

Dobbiamo essere consapevoli che ogni volta che acquistiamo qualcosa ci stanno truffando. Il perché è presto detto: i conti non tornano se si considerano i costi di produzione di un prodotto e il suo prezzo al pubblico. I rincari sono talmente alti e ingiustificati che definirli un raggiro è tutt'altro che sproporzionato. I conti li ha fatti il Giornale che ha preso in considerazione alcuni beni di largo consumo. Si parte dal caffè che ha un costo reale di 20 centesimi e al bar viene fatto pagare al cliente 90 centesimi. "Noi il caffè lo compriamo a 25 euro al chilo", spiega il proprietario del "Come Sinatra Cafè" di Verona a Gabriele Villa. "Il che significa un costo di 20 centesimi a tazzina. Pur tenendo conto delle spese, quindi, un guadagna riusciamo ad averlo". Tanto è vero che l'onesto esercente ha abbassato il costo del caffè nel suo bar a 50 centesimi riscuotendo un grande successo.

Pizza - Il rincaro maggiore, per quanto riguarda i generi alimentari, comunque viene applicato alla pizza. Parliamo di un minimo del 490% in più rispetto ai costi all'origine. Una margherita ha un prezzo dai 7 ai 12 euro eppure sommando tutti gli ingredienti non si arriva a 1,1 euro. Ecco il conto: 14 centesimi per i 180 grammi del disco (acqua, farina, lievito) ; 10 centesimi per 75 grammi di pomodoro; 60 centesimi per 70 grammi di mozzarella, 20 centesimi per il basilico, 6 centesimi per 15 grammi di olio. Totale: poco più di un euro.

Jeans - Qual è il prezzo sul cartellino di un jeans ovviamente dipende dal negozio che lo vende. Un pantalone di marca sicuramente costa di più di uno del grande magazzino. Di certo c'è che confezionarlo costa molto, molto poco. E lo dimostra il crecente camion bloccato alla frontiera con un ingente carico di jeans contraffatti: sulla bolla d'accompagno c'era scritto nero su bianco che costavano 80 centesimi al paio. Una volta finiti sul mercato sarebbero stati venduti a un minimo di 30 euro.

Iphone, libri - Anche sul telefonino i rincari sono molto alti. Un team multinazionale di esperti è riuscito a individuare il costo delle componenti sviluppate dal fornitore ufficiale di Apple. Ebbene, spiega il Giornale, la multinazionale cinese Foxconn non spende più di 160 euro per assemblare un IPhone. Pur aggiungendo i 5 euro per la spedizione internazionale si arriva a 165 euro ben lontano dai 350 euro con i quali, chi vuole avere un cellulare must, deve fare i conti. Stesso discorso per un libro. Un volume di 500 pagine, tirato a 2000 copie, costa alla casa editrice 2,65 euro. Noi, però, per comprarlo in libreria, non spendiamo meno di 12 euro. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fcalifornia

    17 Luglio 2013 - 11:11

    egregio direttore Belpietro la persona che ha scritto questo articolo più che scrivere nei giornali è meglio che li legga i giornali, economici se ci riesce, magari così capisce quali sono le componenti che formano un prezzo di vendita.- Che figura di m..........

    Report

    Rispondi

  • Occam

    17 Luglio 2013 - 08:08

    il valore del Davide di Michelangelo è quello di un paio di tonnellate di marmo. O siamo tornati agli anni 70, con il costo del lavoro variabile indipendente? e com'è che il socio occulto (stato) si mangia oltre il 60% dell'incasso? Forse è meglio azzerare ed andare ad imparare a "fare i conti" - alla peggio c'è la biblioteca Buffetti...

    Report

    Rispondi

  • sefirot2

    16 Luglio 2013 - 16:04

    Trovo ,assolutamente, ridicolo e ingiurioso questo articolo. Oggi, per potere sopravvivere, considerato che l'artigianato e il commercio sono praticamente fermi, i rincari, per affrontare tutte le spese di gestione,dovrebbero essere del 2000% !!! L'autore dell'articolo entri nel commercio e affronti,personalmente, tutte le incombenze che l'attività richiede. Dopo,però, non si lamenti e taccia !

    Report

    Rispondi

  • MIRKOR79

    16 Luglio 2013 - 13:01

    Questo articolo è ASSOLUTAMENTE RIDICOLO... e pensare che lo ha scritto un LAUREATO e analizzato da un capo redattore, dire RIDICOLO è poco!!! Non capisco l'obiettivo di questo articolo? Fare inferocire la popolazione contro noi imprenditori, commercianti, lavoratori? Non capisco... i numeri sono tutti sbagliati (jean a 0,80 centisimi?!?!? E per di più un valore preso da una fattura doganale che pure i sassi sanno che sono tutti valori al ribasso per non pagare i dazi doganali e l'iva al 21%, e per di più jeans contraffatti!! Ma daiii...). Dove volete arrivare? Io comunque ho deciso... NON COMPRERO' MAI PIU0 IL VOSTRO GIORNALE, E FARO' DI TUTTO CHE LE MIE CONOSCENZE FARANNO ALTRETTANTO... vediamo adesso se il costo del vostro giornale paragonato a 0,02 centesimi (i vostri giornalisti stagisti sono pagati 7,00 euro ad artiolo!!!) ne vale 1,50... da domani è battaglia, promesso!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog