Cerca

Famiglie spremute

Spesa, bollette e trasporti
Nel 2013 stangata da 1.500 euro

Secondo i dati Adusbef e Federconsumatori, l'aumento più consistente è quello degli alimentari (+300 euro sul 2012). Calano (di poco) solo gas e luce

Spesa, bollette e trasporti
Nel 2013 stangata da 1.500 euro

Per prezzi e tariffe nel 2013 si prospetta una stangata pari a 1.492 euro a famiglia. E' la stima aggiornata elaborata dall'Osservatorio Nazionale Federconsumatori, che mostra principali variazioni rispetto alle previsioni iniziali legate da una parte alla riduzione delle bollette, soprattutto quella del gas, e dall'altra dall'aumento delle tariffe di professionisti e artigiani sulla spinta dell'Imu. Per Federconsumatori sono "aumenti insostenibili che stanno determinando pesantissime ricadute sulle condizioni di vita delle famiglie e sull'intera economia, che continuera' a fare i conti con una profonda e prolungata crisi dei consumi, che nel biennio 2012-2013, risulta pari a -7,3%, con una contrazione della spesa complessiva delle famiglie di circa 52 miliardi di euro".

Tutto cio', si legge in una nota, "senza mettere in conto gli ulteriori aumenti derivanti da Imu e incremento dell'Iva, sulle quali il Governo e' chiamato a decidere a breve". Federconsumatori ritiene pertanto "indispensabile eliminare definitivamente l'Imu sulla prima casa (tranne che per le dimore di lusso) e l'aumento dell'Iva. In assenza di un provvedimento in tal senso", spiega, "le conseguenze sarebbero disastrose, sia in termini diretti, sia in termini indiretti per le varie ricadute su prezzi e tariffe". "Oltre a scongiurare nuovi aumenti - aggiungono i presidenti di Federconsumatori e Adusbef, Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti - e' ora che il Governo si dia da fare concretamente per un serio piano di rilancio economico, in grado di avviare una ripresa della domanda di mercato e degli investimenti per il lavoro e l'occupazione".

Aumento per aumento - In termini assoluti l'aumento piu' consistente quest'anno rispetto al 2012 e' quello della spesa per gli alimentari: +299 euro a famiglia. Ma nel carrello della spesa pesano anche detersivi e prodotti per la casa: +153 euro, secondo l'osservatorio dei consumatori. Non va molto meglio per la scuola, con rincari non solo dei libri e del materiale scolastico per i ragazzi, ma anche delle mense: in tutto 62 euro in piu' rispetto all'anno scorso. Le dolenti note arrivano pero' anche dal capitolo tariffe. Se infatti, dopo le impennate dell'anno scorso, gas e luce diminuiranno rispettivamente di 41 e 5 euro (grazie soprattutto agli interventi dell'Autorita' per l'energia per la riforma del settore gas e alla ridefinizione degli oneri per gli incentivi alle rinnovabili), la tariffe autostradali, quelle di treni e poste, dei professionisti e dei rifiuti registrano aumenti tutt'altro che indifferenti. Per i trasporti ferroviari e locali, i consumatori calcolano +113 euro. Per servizi bancari, bolli e mutui +118 euro, per i pedaggi autostradali +38 euro. Rincarano di 31 euro anche le tariffe aeroportuali mentre, in attesa di una riforma della Tares, la tariffa rifiuti aumenta di 49 euro. Anche le tariffe professionali e artigianali registreranno una stangata di 181 euro, cosi' come le addizionali regionali, in aumento di 173 euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fossog

    25 Agosto 2013 - 16:04

    ci stanno distruggendo giorno dopo giorno. Sono i soliti ladri di sempre, Pci/Psi ed ex Dc con il loro compare parassita, il vaticano. Ma dal fondo poi si risale, almeno quelli che hanno ancora fiato. E CHI RISALE poi affoga coloro che lo hanno certo buttato in mare, non porge l'altra guancia, non perdona come i pecoroni cattolici/mediorientali.

    Report

    Rispondi

  • encol

    25 Agosto 2013 - 08:08

    Pagheremo Euro 20.000/mese a fannulloni incapaci che albergano in parlamento? Fino a quando pagheremo le scorte a Finocchiaro and Co.? Fino a quando pagheremo il finanziamento ai partiti e fino a quando NON vedremo un centesimo dei molti soldi da questi rubati? Fino a quando pagheremo la truffa di nome vitalizio ai parlamentari? Fino a quando dovremo mantenere 1000 fannulloni quando ne basterebbero 250? Fino a quando le auto blu, aerei blu, treni blu ecc.? Fino a quando dovremo mantenere carrozzoni storici paradiso della corruzione di giustizia e sanità? Fino a quando manterremo enti inutili (ne abbiamo 880)? E le provincie solo bla-bla? Paghiamo il medico della mutua euro 6000/mese per prescrivere medicinali inutili, costosi spesso dannosi e per prestarsi 1-2 ore al dì fino a quando? Una causa civile dura mediamente 5 anni fino a quando? Aumentare le tasse senza diminuire le spese NON solo è unitile ma pure stupido fino a quando dovremo sopportare emeriti somari accademici?

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    24 Agosto 2013 - 15:03

    sciopero ad oltranza degli acquisti

    Report

    Rispondi

  • nellomaceo

    24 Agosto 2013 - 13:01

    Abbiamo nel governo un ex banca d'Italia che solo a sentirlo parlare si capisce che non ha mai lavorato e non conosce il vero mondo del lavoro.Questo riempi carte è solo un asino in vera economia ed assomiglia a Prodi,docente in reconomia con laurea in giurisprudenza e master in america .Qusta gente purtoppo ha vissuto di lauto stipendio senza rischiare come fa la normale gente con le banche per avere una casa.

    Report

    Rispondi

blog