Cerca

Se non sei omo...

Barilla, Vecchioni: "E' un povero cretino"

Barilla, Vecchioni: "E' un povero cretino"

La bufera continua senza sosta sul 'povero' Guido Barilla. Ha detto quello che pensava, ma i mirini sono puntati tutti su di lui. Ogni imprenditore comunica quello che vuole e, soprattutto, lo fa come vuole: non tutti sono costretti a seguire le mode o a inseguire il politically correct, anche quando si parla di famiglia e tradizione. ma nelle'epoca delle Boldrini, chi esce dal pensiero unico "corretto" finisce nel mirino. Per questo, oggi, i parrucconi e gli opinionisti "perbenisti" non si sono lasciati sfuggire l'occasione di parlare.

Firme - Il premio nobel Dario Fo ha lanciato la sua petizione per chiedere all'azienda di preparare una campagna pubblicitaria in nome dell'integrazione. Insomma, Fo si arroga il diritto di imporre ad una società privata la propria linea perché non pensarla come lui è sbagliato. Il ragionamento del nobel, però, ricorda tempi lontani, quando le libertà non erano poi così garantite e ci si tappava la bocca pur di non dire cose sgradite. Nonostante la saccenza di Fo, però, qualcuno è andato molto più pesante di lui. 

Cretini - I paladini dei diritti omosessuali han fatto quadrato. Nichi Vendola, intoccabile icona gay italiana, se l'è cavata con una battuta: "Non è di pasta buona", ha detto. Era alla festa del suo Sel e tutti l'hanno applaudito. Ma non è stato il solo. Roberto Vecchioni, ad esempio, non si è contenuto: "Povero cretino - l'ha definito - sono tesi inconsistenti che non so se fanno ridere o piangere". Vecchioni, che è recentemente stato proposto per il Nobel per la letteratura e ha una figlia lesbica civilmente unita un annetto fa con la sua compagna dal sindaco di Milano Giuliano Pisapia, dice che conosce "la famiglia Barilla" e gli "sembra strano che possano avere questo tipo di opinione". Chissà, conoscerà davvero i pensieri del re dello spaghetto meglio dello stesso Barilla? Forse no, ma la moda del giorno era colpire il pastificio. E così è stato fatto da tutti i modaioli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dx

    09 Ottobre 2013 - 11:11

    i cretini ci sono tra i gay e tra gli etero e il sesso piace a tutti.

    Report

    Rispondi

  • dx

    09 Ottobre 2013 - 11:11

    i cretini ci sono tra i gay e tra gli etero e il sesso piace a tutti.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    09 Ottobre 2013 - 10:10

    Della sessualità privata, non deve importare a nessuno. Ma é l'epoca delle discriminazioni. Si parla ancora di destra e sinistra komunista. L'Italia ha un ritardo culturale oltre che economico. Grazie, Silvio, tu hai sempre discriminato.

    Report

    Rispondi

  • lucia elena

    30 Settembre 2013 - 18:06

    Per mia natura ho sempre rispettato gli omosessuali senza mai permettermi di giudicarli. Non sopporto però che ora per politica se ne faccia un uso scorretto del loro essere. Fare leggi esclusivamente per loro è assurdo visto che le nostre già hanno le regole per il rispetto alla persona e quindi sono compresi tutti ma proprio tutti. Usarli per fini politici è gravissimo perché vedo invece un pericolo di ghettizzazione. Se siamo liberi dei nostri modi di pensare perché voler creare un problema (che non esiste) volendo mettere alla sbarra un Signore che la pensa diversamente? Il mio pensiero è libero come è libero quello dei gay e come è libero quello del signor Barilla al quale do la mia solidarietà e rimprovero il fatto d'aver chiesto scusa nel rispetto della libertà di pensiero e di parola.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog