Cerca

Dipendenti dello Stato

Furbi, nababbi e privilegiati: ecco tutti gli stipendi della casta

Furbi, nababbi e privilegiati: ecco tutti gli stipendi della casta

La Camera dei Deputati che costa più del doppio della Camera dei Comuni inglese. Il governatore di Bankitalia guadagna circa il 30 per cento in più del numero uno della Banca Centrale Europea. I manager delle aziende di Stato quotate in borsa hanno cachet da far invidia a un calciatore. Sono i numeri della casta, sia quella elettiva che quella che lavora nel grande apparato dello Stato. Perché i tagli negi ultimi anni ci sono stati, dovuti sotto la sferza dell'austerity e dello spauracchio di una spesa pubblica fuori controllo. Ma sono stati minimali, e le cifre raccontano che un consigliere regionale incassa in un mese quanto un operaio porta a casa in un semestre.

Montecitorio+Madama - Si parta dal cuore pulsante della casta, il Parlamento "dei nominati". Gli onorevoli, tra una voce e l'altra, hanno diritto a 12mila euro netti al mese. Per avere poi diritto a fine mandato a una liquidazione pari all'80 per cento del propio emolumento. Con il rislutato che la sola Camera dei Deputati costa 119 milioni di euro l'anno, contro i 51 della camera bassa inglese. Per non parlare delle pensioni: il monte dei vitalizi tricolore (che nel 2013 è salito di 10 milioni) è cinque volte più alto di quello britannico.

Nelle Regioni - Ancora più cari risultano i 20 consigli regionali. Il governo Monti, ricorda Panorama nella sua inchiesta sugli stipendi tra politica e settore pubblico italiano, ha posto nuovi tetti e livellato verso il basso le ricompense per gli onorevoli locali. Ciò non toglie che i consiglieri guadagnino mediamente 11mila euro al mese, paga che cresce per chi somma anche altri incarichi (quasi tutti) fino a 13800 euro. Ci sono regioni virtuose (come Emilia Romagna e Umbria) che tengono gli indennizzi verso il basso, ma anche quelle "furbette". Come la Sicilia, dove in nome dell'autonomia dell'ente i deputati regionali guadagnano 18mila al mese e hanno istituito una commissione per abbassare l'emolumento a 14mila.

I manager di Stato - Il tetto massimo per i dipendenti pubblici è fissato a 302mila euro l'anno, quanti ne guadagna il primo presidente della Cassazione. E non sono pochi. Ma il limite non vale per le società pubbliche esposte alla concorrenza del mercato, vale a dire quelle quotate in borsa e quelle che emettono obbligazioni. E allora le cifre scattano ben oltre il tetto: l'amministratore delegato di Eni, Paolo Scaroni, arriva a guadagnare più di 6 milioni di euro all'anno; l'ad di Enel, Fulvio Conti, ha in busta paga 4 milioni di euro, e quello di Terna, Flavio Cattaneo, più di 2. Non saranno cifre così altisonanti, ma non se la cavano male i vertici di Bankitalia: il governatore Giorgio Visco (495mila euro) e il direttore generale Salvatore Rossi (450mila euro) a fine anno guadagnano più di Mario Draghi, massima carica della Bce (350mila euro). Il nostro corpo diplomatico, infine, distribuito in ambasciate e consolati sparsi per il globo terracqueo, guadagna mediamente 10mila euro al mese (con oscillazioni in base alla sede: chi lavora a Parigi, ad esempio, ne prende 16mila). Ma, attenzione, si tratta di indennità di servizio all'estero: sono quindi totalmente esentasse.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Karl Oscar

    11 Novembre 2013 - 12:12

    iniziando da Monti, sarebbero surclassati da una casalinga analfabeta, che con il suo buonsenso capirebbe che basterebbe abbattere questi e tutti gli altri privilegi della casta politica,della magistratura dei banchieri per sistemare alla grande l'economia italiana;ma non illudiamoci,non mollano l'osso,ma a mali estremi...estremi rimedi

    Report

    Rispondi

  • gioant

    08 Novembre 2013 - 09:09

    è giunta l'ora segnata dal destino di un fallimento, di togliere tutti i soldi a questi signori, iniziando dal capo dello stato, non ha senso e non valore che questa gente abbia tutti questi soldi in tasca, mentre il popolo a stento mangia.

    Report

    Rispondi

  • libero14

    08 Novembre 2013 - 01:01

    Siccome i ns generali sono troppo ben strapagati e con la pancia prominente, è inutile sperare qualcosa da questi. Non ci resta che andare a comperarne uno in Cile, alternativamente, confidare in qualche maresciallo nostrano vecchio stile. È l'unica maniera per liberarci da certi sperperi osceni.

    Report

    Rispondi

  • mauriziobenito

    07 Novembre 2013 - 20:08

    A LEGGERE L'ARTICOLO E SENTIRE LE STRONZATE CHE DI SACCOMANNI CHE NON RIESCE A TROVARE DEI FONDI, TI VIENE LA RABBIA, PER NON PARLARE DELLE STRONZATE ANCHE DI NAPOLITANO CHE DICE CHE SIAMO QUASI FUORI DAL TUNNEL E BISOGNA FARE SACRIFICI...E PER FINIRE LETTA CHE SONO MESI CHE ROMPE I COGLIONI CON LA PAROLA "CRESCITA". MA CERTA GENTE NON PROVA VERGOGNA A DIRE CERTE COSE, SE OGNI TANTO FACESSERO UN ESAME DI COSCIENZA....QUESTI CI PRENDONO PER IL CULO E FANNO FINTA DI NIENTE, INTANTO MONTI SI PRENDE 13.000 EURO AL MESE ALLA FACCIA DELLA CRISI...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog