Cerca

Giustizia folle

Egiziano soffoca la figlia, per la Cassazione non ci sono i "futili motivi"

Milano, prova ad uccidere la ragazza con un sacchetto di plastica: condannato a 7 anni. Ma per la Suprema Corte non ci sono i futili motivi

Egiziano soffoca la figlia, per la Cassazione non ci sono i "futili motivi"

Cittadino egiziano aveva provato ad uccidere la figlia adolescente soffocandola con un sacchetto di plastica perché faceva sesso col fidanzato italiano. Ma la Cassazione rimanda in Appello il suo processo perché nella condanna per tentato omicidio non ravvede le aggravanti dei futili motivi e della premeditazione. "Per quanto i motivi che hanno mosso l'imputato non siano assolutamente condivisibili nella moderna società occidentale - scrive la Suprema corte nella sentenza 51059  - gli stessi non possono essere definiti futili, non potendosi definire né lieve né banale la spinta che ha mosso l'imputato ad agire". E così la difesa dei precetti islamici compiuta da Hamed Ahamed (63enne che nel settembre 2011 aveva provato a Milano a uccidere la figlia e l'anno successivo si era visto comminare una condanna a 7 anni) potrebbe valere uno sconto di pena. Malgrado l'uomo, nella ricostruzione del tentato delitto, abbia atteso una notte tra la scoperta dei comportamenti della figlia e l'aggressione a suo discapito, per gli ermellini non sussistono neanche i termini per l'aggravante della premeditazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rendagio

    06 Gennaio 2014 - 16:04

    Fino a quando permetteremo questa vergognosa realta´?? speroe mi auguro di cuore, che uma figlia di questi magistrati venga violentata da um islâmico... aducendo che la sta convertendo all´islam, religione di um poveiro deficenteun certo Maomettoed il suo pseudo dio Allaha, tutto falso

    Report

    Rispondi

  • sandr'occhio

    20 Dicembre 2013 - 02:02

    Oggi la legge proibisce di dare uno 'schiaffo educativo' ai figli sennò finisci in galera per violenza in quanto l'educazione fa parte di un futile motivo, mentre un islamico che ha una figlia che frequenta un cristiano ha ragione di soffocarla perché non è un futile motivo frequentare un cristiano. Che figlia degenere!!!!!!!! Meno male che ci sono i nostri giudici a capire un padre islamita, che ha fatto tanti sacrifici a venire in Italia, per di più terra cristiana, a farsi una famiglia. Per gli islamici è un attenuante.

    Report

    Rispondi

  • rdygua

    19 Dicembre 2013 - 16:04

    E poi dicono che non bisogna mettere mano alla riforma della giustizia.Vorrei poter essere al posto di questa ragazza e provare a soffocare uno di questi giudici per vedere cosa ne pensa.

    Report

    Rispondi

  • lucy

    19 Dicembre 2013 - 16:04

    dove sieteee???

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog