Cerca

La mossa

Istigazione al suicidio, boom di querele contro Letta e Monti

Gli avvocati di tutta italia stanno ricevendo migliaia di richieste per portare i governi "tassaroli" alla sbarra: "La gente si è stufata e ora passa dalle parole ai fatti"

Enrico Letta e Mario Monti

Enrico Letta e Mario Monti

Più di 6000 denunce in soli 4 giorni. La class-action contro il governo per "istigazione al suicidio" lanciata qualche giorno fa da un gruppo di avvocati sparsi per tutta Italia ha avuto un "successo" difficlmente prevedibile. Secondo quanto racconta Giuseppe Iudici ad Affaritaliani.it uno dei promotori della class action sarebbero "6000 le denunce stimate ad oggi. Incredibilmente semplici cittadini stremati riescono ad unire le forze e iniziare una lotta legale contro il Governo e pare che non finisca qua considerando che si riservano altre iniziative". In questi ultimi due anni, con il governo Monti prima e con il governo Letta dopo, la lista dei suicidi dovuti alla crisi è diventata sempre più lunga. Così adesso c'è chi dice basta e chiede il conto all'esecutivo. Secondo quanto racconta Affaritaliani.it i cittadini, dopo il coordinamento del 9 dicembre che, nonostante la sua spaccatura ai vertici, continua con i presidi , affilano ora le armi con un "maxi esposto-querela" di massa.

La campagna su facebook -  L'iniziativa era partita da una pagina evento sui social network e dai 200.000 invitati in pochi giorni piu' di 10.000 partecipano. Insomma gli italiani cominciano a ribellarsi alle sprangate fiscali che piegano famiglie e aziende e provano a chiedere anche con le azioni legali un cambio di passo da parte del governo. L'accusa è verso le istituzioni è chiara: "Istigazione al suicidio" in riferimento all'articolo codice penale 580. Secondo i legali che puntano il dito contro il Palazzo, il governo è colpevole di non aver fatto il possibile per i cittadini, non aver istituito numeri e istituzioni locali in grado di aiutare le famiglie in crisi.  I legali che si stanno muovendo per la class action sono determinati e hanno già preparato un modulo per la denuncia. Bisognerà accertare se l'azione legale dal punto di vista giuridico possa avere delle conseguenze. Ma di certo sotto il profilo simbolico fa già discutere. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ramadan

    18 Gennaio 2014 - 13:01

    che prendono queste iniziative per frodare la gente. l'altra campagna mediatica la stanno facendo contro i medici invitando la gente a denunciare casi di malasanità (vera o presunta ?) .vorrei sapere chi è che paga la pubblicità che fanno in tv che certo non è gratis . a chi fanno capo queste iniziative ? dovranno ancora essere i magistrati a fare chiarezza ?

    Report

    Rispondi

  • allianz

    18 Gennaio 2014 - 12:12

    Le fanno fare senza ombra di dubbio.Siamo in democrazia.E quando di democrazia ce n'è troppa inizia l'abuso.Lo stato se risponderà lo farà tra 40 anni.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    17 Gennaio 2014 - 22:10

    Stessero contenti che per ora si cerca di fermarli DEMOCRATICAMENTE perché ho paura che, ben presto, se continua così, potrebbe succedere che si scavalchi questo limite.

    Report

    Rispondi

blog