Cerca

La polemica

Guerra Elkann-Della Valle: ecco cosa c'è dietro

Guerra Elkann-Della Valle: ecco cosa c'è dietro

Nei salotti buoni di Rcs è in coraso una guerra senza precedenti. A farsi la guerra sono Diego Della Valle e John Elkann. I due si beccano da tempo. Entrambi azionisti del Corriere, se le suonano da una settimana. L'ultimo colpo l'ha sparato proprio Della Valle che rispondendo alle parole di Elkann che ha definisto i giovani intaliani come degli "sfaticati", l'ha impallinato con un "sei un imbecille". Ma cosa c'è dietro la guerra Della Valle-Elkann? Il potere di Rcs. La Fiat ormai è azionista di maggioranza del gruppo e questo non va giù a "Mr Tod's". Rcs Mediagroup, editrice del Corriere della Sera ormai pare essere troppo interessata agli affari della Fiat. Carlo Pesenti, come racconta il Fatto Quotidiano  qualche giorno fa ha chiesto di avviare l'azione di responsabilità contro l'amministratore delegato Pietro Scott Jovane e tutto il consiglio d'amministrazione. Venerdì sera ci sono state le clamorose dimissioni dallo stesso cda di Carlo Pesenti. Il dato sorprendente è proprio che per la prima volta i Pesenti (titolari di un 4 per cento circa delle azioni) si oppongono frontalmente alla famiglia Agnelli. Le indiscrezioni indicano che lo strappo di Pesenti sia su motivi analoghi a quello di Della Valle, cioè l'insoddisfazione per la conduzione di Jovane, giudicata troppo attenta agli interessi del maggiore azionista, appunto la Fiat. Così Pesenti ha rotto gli indugi dopo una strana operazione portata a termine a fine gennaio dal management, a quanto pare senza tenerne informato il consiglio d'amministrazione. Sulla sua stessa linea si sarebbe schierato pure Della Valle, che quando può non risparmia di certo frecciate ad Elkann, rampollo di casa Agnelli e azionista di Rcs...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • herbavoliox

    17 Febbraio 2014 - 10:10

    ... un altro comportamento dall'erede che non ha mai sbarcato il lunario per vivere. Ma... tant'è, la classe non è acqua! Gente che scappa dall'Italia per pagare meno tasse e dare lavoro all'estero poi, si permette di criticare chi non trova lavoro. Un altro inutile idiota di cui faremmo volentieri a meno.

    Report

    Rispondi

  • alvit

    17 Febbraio 2014 - 09:09

    mai lavorato in vita loro, solo ciucciato soldi agli italiani per poi portarli all'estero, ma sempre impuniti. I partiti, democrazia cristiana e pci, sono sempre stati collusi con il finto avvocato (era ragioniere o nemmeno quello?) e i sindacati ci andavano a braccetto. Ora abbiamo la stirpe dei fighetti, fra lapo (anche il mio cane si chiamava così)e il fratello intelligente non si sà che prendere. Lo scarparo, ( calzolaio),si sta trovando in una condizione azionaria molto in bilico, con le sue aziende alla canna del gas, i negozi che non vendono e le azioni che si stanno assottigliando sempre più. Vuoi vedere che resterà in pantofole???

    Report

    Rispondi

  • gpetricich

    17 Febbraio 2014 - 04:04

    Questo vale per tutti e due. Ambedue lavorano perché hanno ereditato. La differenza è che il signor Tod's è una tantino invidiosetto.

    Report

    Rispondi

  • kobra12

    16 Febbraio 2014 - 18:06

    Uno che lavora solo per aver ereditato non dovrebbe nemmeno parlare

    Report

    Rispondi

blog