Cerca

Roma, ricoverato

il primo malato di web

Roma, ricoverato
 È arrivato alle 13 al Policlinico Gemelli di Roma il primo paziente affetto da dipendenza da Internet e pc, inclusi i social network come Facebook. “È un uomo, come gli altri sei che finora hanno prenotato da noi la prima visita”, spiega lo psichiatra Federico Tonioni, coordinatore dell'ambulatorio dedicato all'Internet Addiction Disorder presso il Gemelli.

Una struttura che inizia l'attività oggi, all'interno del Day hospital psichiatrico, con l'obiettivo di curare la dipendenza patologica da Internet, e i disturbi del comportamento ossessivo che riguardano il web. Situato al piano -1 del Gemelli, l'ambulatorio arricchisce l'offerta assistenziale dell'Unità operativa di consultazione psichiatrica del Policlinico per la cura di tutte le dipendenze, da quelle da alcol e droghe fino a quella da gioco d'azzardo. Per i programmi di riabilitazione l'attività degli psichiatri del Gemelli si avvale della collaborazione dell'Associazione 'La Promessa’. “Per il momento gli appuntamenti sono stati presi da uomini - dice Tonioni - anche se non sembra che ci siano delle differenze di sesso tra quanti cadono nelle trappole della Rete. Forse i maschi si rendono conto prima di avere un problema”. L'età media attesa dagli specialisti è intorno ai 20-35 anni, prosegue l'esperto, ricordando che “l'utilizzo patologico di Internet provoca sintomi fisici molto simili a quelli dei tossicomani in crisi di astinenza. Grazie a questo nuovo ambulatorio - assicura Tonioni - potremo garantire ai nostri pazienti di contenere quel malessere che per molti durante l'astinenza dal web si trasforma in ansia, depressione e paura di perdere il controllo di ciò che accade in Internet, intervenendo nella struttura mentale sottostante alla dipendenza con curiosità e umiltà”.

Il protocollo di intervento è strutturato in tre passi: un colloquio iniziale per confermare o meno la diagnosi di dipendenza; incontri successivi per individuare la psicopatologia sottostante, eventualmente contenuta con un'appropriata terapia farmacologia; l'inserimento progressivo in gruppi di riabilitazione, per 'riattivare’ un contatto “dal vivo con gli altri e di conseguenza esperienze autentiche di condivisione, senso del limite, capacita di attesa e comunicazione non verbale”, spiegano gli esperti. L'ambulatorio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 13.30. Per accedere alla prima visita occorre prenotare telefonicamente, contattando i numeri 06/30154332-4122. Secondo una nota del Gemelli, la prevalenza di questa patologia nella popolazione generale appare in aumento soprattutto nei giovani che vanno poi a coinvolgere le famiglie, su cui ricade il carico soggettivo e oggettivo del disturbo psichico. Per esempio, Facebook, il più famoso social network, ha 60 milioni di iscritti al mondo, e sono in continua crescita; si stima che circa il 10% degli utenti rischia di diventarne dipendente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog