Cerca

La mission del ministro Galan. Giù le mani dagli orsi

L'ex forzista vara una task force per tutelare l'animale e risarcire gli agricoltori

La mission del ministro Galan. Giù le mani dagli orsi
Da oggi, Yoghi e Bubu hanno un nuovo alleato contri i cacciatori e i bracconieri. Si tratta niente meno del ministro dell'agricoltura
e delle Politiche agricole alimentari e forestali Giancarlo Galan, il quale oggi ha espresso un'accorata difesa del maestoso plantigrado bruno.
"Sono giorni che leggo notizie riguardanti uno o più orsi che si muovono liberamente tra Veneto ed altri regioni del nordest - esordisce il ministro leghista - e mi preoccupa l’uso di parole che trasmettono l’idea di una pericolosità da eliminare. Credo valga la pena ricordare a tutti che in Italia l’orso è una specie particolarmente protettà ed è considerata specie prioritaria dalla normativa europea. Ricordo infatti che solo pochi decenni fa ingiustificate paure cui fecero seguito cacce spietate portarono quasi all’estinzione del lupo”.
Tutti a difesa degli orsi, quindi, con un'avvertimento ai cacciatori o agli agricoltori e allevatori esasperati.
“Nessuno si sogni di usare le armi contro gli orsi. Sarebbe un atto barbaro e inutile, punito anche dalla legge con l’arresto da due a otto mesi e con un’ammenda da 800 a 2000 euro. C'è invece da copiare l’esperienza della gestione dell’orso in altre regioni come l’Abruzzo, dove quest’animale convive con l’uomo. La soluzione è rendere l’accesso al cibo più difficile a questo animale, prendendo antiche e moderne misure note a tutte le popolazioni, come per esempio gli stazzi anti-orso o più banalmente gli stessi recinti elettrificati".
Tuttavia, la preoccupazione del ministro non è solo rivolta agli orsi. Da tutelare, oltre all'animale, c'è l'economia e le attività di agricoltori e allevatori, sempre più preoccupati dai blitz di questo affamato animale.
"Ho dato disposizione al Corpo Forestale dello Stato di intensificare i controlli nelle zone in cui si sono verificati i recenti avvistamenti - prosegue il ministro Galan -. La "task force orso" collaborerà con le popolazioni che hanno l’onore di avere come vicini gli orsi, sia per monitorare la situazione, sia per garantire la velocità e l'efficenza delle procedure per il risarcimento agli agricoltori e agli allevatori".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • franziscus

    18 Maggio 2010 - 13:01

    Gli orsi sono animali timidi e non pericolosi, io ne ho trovato uno in montagna e non ho fatto neanche in tempo a fotografarlo perchè si è squagliato. Comunque sono sempre animali e non bisogna avvicinarsi troppo e soprattutto stare lontano dai loro piccoli perchè gli orsi temono l' uomo ( e non hanno tutti i torti ! ) quindi non bisogna metterli in condizione di dover reagire per paura.

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    18 Maggio 2010 - 13:01

    Gli orsi sono animali timidi e non pericolosi, io ne ho trovato uno in montagna e non ho fatto neanche in tempo a fotografarlo perchè si è squagliato. Comunque sono sempre animali e non bisogna avvicinarsi troppo e soprattutto stare lontano dai loro piccoli perchè gli orsi temono l' uomo ( e non hanno tutti i torti ! ) quindi non bisogna metterli in condizione di dover reagire per paura.

    Report

    Rispondi

  • semovente

    15 Maggio 2010 - 17:05

    COME AL SOLITO SI FA TUTTO FACILE. ELIMINARE FISICAMENTE E TUTTI FELICI E CONTENTI. ESISTONO ALTRI MODI PER INDURRE GLI ANIMALI A FREQUENTARE ALTRI LIDI SENZA FARE RICORSO ALLE MANIERE SBRIGATIVE E CRUENTE GENERALMENTE PREFERITE DA CHI NON SI FA TROPPI SCRUPOLI. INOLTRE ADOTTIAMO IL SISTEMA VALERIO 45 ANCHE PER GLI UMANI ASSASSINI. PERCHE' QUESTI ULTIMI DEVONO ESSERE PRIVILEGIATI?

    Report

    Rispondi

  • valerio45

    14 Maggio 2010 - 20:08

    Se ci scappa il morto voglio propio vedere chi risarcira'la famiglia.

    Report

    Rispondi

blog