Cerca

Vescovo contro Corano: "Ordina di imporre l'Islam con la spada"

Per Beylouni il testo sacro dà il diritto di giudicare e uccidere i cristiani e dettare la religione con la forza

Vescovo contro Corano: "Ordina di imporre l'Islam con la spada"

"Il Corano permette al musulmano di nascondere la verità al cristiano e di parlare e agire in contrasto con ciò che pensa e crede. Il Corano dà al musulmano il diritto di giudicare i cristiani e di ucciderli con la jihad (guerra santa). Ordina di imporre la religione con la forza, con la spada". Così, con un duro atto d'accus, si è pronunciato oggi mons. Raboula Antoine Beylouni, vescovo di Curia di Antiochia dei Siri nell'aula del Sinodo, a Roma.
Secondo il vescovo libanese, a causa del dettato coranico "i musulmani non riconoscono la libertà religiosa, né per loro né per gli altri. Non stupisce vedere tutti i paesi arabi e musulmani rifiutarsi di applicare integralmente i diritti umani sanciti dalle Nazioni Unite".

Dialogo - Nonostante queste difficoltà, ha però aggiunto mons. Beylouni, "non dobbiamo eliminare il dialogo ma scegliere i temi da affrontare e gli interlocutori cristiani capaci e ben formati, coraggiosi e pii, saggi e prudenti che dicano la verità con chiarezza e convinzione. Dato che il Corano ha parlato bene della Vergine Maria dobbiamo ricorrere a lei in ogni dialogo e in ogni incontro con i musulmani. Voglia Dio che la festa dell’Annunciazione, dichiarata in Libano festa nazionale per i cristiani e i musulmani, divenga festa nazionale anche negli altri paesi arabi".

Il siriaco ha quindi suggerito che il documento finale del Sinodo dei vescovi per il Medio Oriente faccia riferimento alla figura della vergine Maria", rispettata dall’Islam, come chiave del dialogo con i musulmani, per superare le difficoltà che rendono inefficaci gli incontri con i musulmani. Tra queste l’arcivescovo ha citato anche il fatto che "il Corano inculca al musulmano l’orgoglio di possedere la sola religione vera e completa. Il musulmano fa parte della nazione privilegiata e parla la lingua di Dio, l'arabo. Per questo affronta il dialogo con questa superiorità e con la certezza della vittoria".

La donna nel Corano - "Nel Corano, poi, non c'è uguaglianza tra uomo e donna, né nel matrimonio stesso in cui l'uomo può avere più donne e divorziare a suo piacimento, né nell’eredità in cui l’uomo ha diritto a una doppia parte, nè nella testimonianza davanti ai giudici in cui la voce dell’uomo equivale a quella di due donne".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marco53

    24 Agosto 2014 - 11:11

    Attento Belouny, il Papa Bergoglio, comunista e noto filo islamico, potrebbe revocarti il "titolo" di vescovo, e spedirti in missione, magari in Irak, in una parrocchietta del nord.

    Report

    Rispondi

  • tizziocaio

    24 Ottobre 2010 - 17:05

    non capisco perche' i beati e maledetti buonisti continuano a proteggere gli assasini, se loro per il propio dio pretendono di uccidere chi non la pensa come loro, esattamente dobbiamo fare con loro, saranno contenti, cosi' si sollazzano con le 20 vergini e non rompono a noi. maledetti buoniosti......

    Report

    Rispondi

  • Al-dente

    23 Ottobre 2010 - 15:03

    ladyalgy non è che voglia difendere la chiesa ma le crociate furono necessarie e non furono contro gli islamici perchè costoro stavano a casa loro, ma PERCHE' NON ERANO A CASA LORO. L'islam è originario della penisola arabica, cioè dove adesso si trova l'Arabia Saudita, Dubai, gli emirati arabi e così via. Mentre la Turchia, Siria, Libano, Egitto, Iraq, Libia, fino al Marocco ERA TUTTA ZONA CRISTIANA. ANZI ERA IL CUORE DELLA CRISTIANITA', una percentuale di minoranza erano i greci pagani seppure come etnia fossero la stragrande maggioranza di quei luoghi. Lo sa quando sono iniziate le crociate? Solo 4 anni dopo avere tolto la Sicilia agli islamici e avere subito l'Europa incursioni su tutte le sue coste e perfino due volte a Roma e fin dentro San Pietro, mentre la Spagna fu invasa e dominata dall'islam dal 710 fino al 1492, quando cedette l'ultimo bastione islamico in terra iberica a cui prese parte perfino Cristoforo Colombo pochi mesi prima di partire alla scoperta del Nuovo Mondo.

    Report

    Rispondi

  • ladyalgy

    23 Ottobre 2010 - 09:09

    perchè.... la chiesa cattolica come ha imposto nei secoli la SUA condizione????? (vedi a partire dalle crociate e quant'altro)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog