Cerca

Il documento delle polemiche

Milano, l'allarme del Consolato Usa: "Città pericolosa, americani state attenti"

L'autorità a stelle e strisce mette in guardia su furti, violenze e aggressioni in aumento. Il sindaco Pisapia: "Sono stupito, ci devono spiegare"

Giuliano Pisapia

 

La Milano di Pisapia come il famigerato Bronx di New York, L'allarme non viene dal Pdl, ma dal Consolato americano nel capoluogo lombardo, che lo scorso 8 febbraio ha inviato un (contestato) messaggio ai cittadini Usa che abitano sotto la Madonnina. "Mantenete un livello alto di vigilanza e prendete le misure appropriate per aumentare la vostra sicurezza personale", si legge nel testo con cui il Consolato, riferisce il Corriere della Sera, mette in guardia dall'aumento di rapine, aggressioni e violenze. "Le autorità milanesi - recita il messaggio - hanno recentemente notato un significativo aumento del crimine nelle aree a ovest di corso Venezia attraverso parco Sempione fino a via Domenichino. Quest'area include la residenza di molti impiegati del consolato e cittadini Usa". A loro, in particolare, è destinato l'avviso che indica anche di fare attenzione a dove vanno la sera perché "in molte popolari zone della vita notturna" sono stati segnalati "incidenti".

De Corato: "Colpa di scelte miopi" -  Il funzionario del Consolato Usa Robert Palladino minimizza: "Sinceramente non siamo molto preoccupati, ci sono stati notificati dei dati sulla criminalità, abbiamo la responsabilità di avvertire i nostri connazionali". Ma la polemica politica, inevitabile, è già scoppiata. "Sono molto rammaricato, stupito, credo che il console debba dare dei chiarimenti", ha commentato al Tg1 il sindaco Giuliano Pisapia, in carica con una giunta formata da Pd e Sel dal giugno 2011. Affonda il coltello, invece, l'ex vicesindaco della Giunta Moratti, lo sceriffo Riccardo De Corato: "Oltre ai danni materiali provocati dall'incremento della criminalità predatoria, vediamo Milano fortemente screditata sul piano internazionale per le scelte miopi dell'attuale sindaco". "Il Consolato Americano conferma autorevolmente quello che i milanesi già sanno e che il centrodestra da tempo denuncia a Palazzo Marino, Milano nell'ultimo anno è diventata una città poco sicura - conclude De Corato -. Da quando si è insediato il sindaco Pisapia non ho mai mancato di segnalare il suo scarso interesse per una questione così importante come la sicurezza pubblica e ho iniziato tempo fa una raccolta firme, tuttora in corso, per il ripristino dei presidi militari nelle strade".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eureka.mi

    19 Febbraio 2013 - 21:09

    Perché è peggiorata la vivibilità a Milano da quando lui è stato eletto Sindaco. Le illuminazioni stradali sono diminuite, ci sono viali della circonvallazione interna che periodicamente sono spente da un lato, mancano pattuglie di controllo a piedi come c'erano una volta. C'è veramente il timore ad essere in strada già dalle ore 20.

    Report

    Rispondi

  • Logmain

    11 Febbraio 2013 - 15:03

    ma nulla le impedisce di parlare a vanvera. Soprattutto non ci è stata ai tempi della Moratti / De Corato. Ma ripeto nulla le impedisce di parlare a vanvera da brava paesanotta.

    Report

    Rispondi

  • ennaz

    11 Febbraio 2013 - 13:01

    La violenza di Milano mette in allarme gli USA?? Ma se sono stati proprio gli USA a contaminare la ns.cultura con la violenza,il consumismo e la ricerca sfrenata del piacere e del guadagno!! Dal dopoguerra abbiamo rinunciato ai ns.secolari valori per cadere nelle grinfie del Grande Satana,che ha rovinato per sempre la ns.gioventù ingannandola con la cultura del facile guadagno e del potere del dio danaro su tutto e su tutti !! Ipocriti e farisei...Dio vi vede e vi punirà!!

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    11 Febbraio 2013 - 13:01

    opiniome americana, anche la ns. Con tantissima droga che gira a Milano, la prima citta d'italia per quanti cittadini ne fanno uso, ai voglia a delinquenza. a cervelli fusi dalla droga e quant'altro si porta dietro questa orribile moda della morte.inutile negarlo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog