Cerca

Il caso

Toni Capuozzo: "Quel silenzio sulle parole di Gino Strada contro la Ong che pretendeva soldi"

12 Luglio 2018

10
Toni Capuozzo: "Quel silenzio sulle parole di Gino Strada contro la Ong che pretendeva soldi"

Tutti zitti sulla denuncia di Gino Strada. Se il fondatore di Emergency dice qualcosa di scomodo, come sul fatto che la Ong maltese Moas ha preteso dei soldi, i sinistri, i Saviano, i Boldrini, stanno muti. Toni Capuozzo invece parla, e lo fa con un poster sul suo profilo Twitter: "Silenzio sulle parole amare con cui Gino Strada ha raccontato dei soldi pretesi dalla Ong maltese Moas. Avendo sollevato dubbi sul loro operato molto molto tempo fa mi chiedo cosa provi il coro giornalistico che aveva cantato le lodi della benefattrice Regina Catrambone".

Leggi anche: Toni Capuozzo, immigrazione: "Basta balle, ecco chi sono quelli che prendono i barconi"

Strada aveva detto in televisione che la Ong Moas chiedeva 230mila euro al mese ad Emergency per poter stare sulle navi finché la Croce Rossa non gliene ha offerti il doppio, 400mila euro. A quel punto Emergency è stata "sfrattata".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marco53

    14 Luglio 2018 - 12:12

    Qui girano milioni di euro, e c'è qualche idiota che crede ancora a Babbo Natale! E' tutta una mostruosa speculazione, un business miliardario che alimenta l'invasione islamica clandestina. A questi animali non interessa niente delle sorti del Paese. Questi si stanno arricchendo a dismisura, col finto buonismo. Uno schifo possibile solo in questo ignobile Paese.

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    12 Luglio 2018 - 20:08

    O Gino ma non sarebbe meglio aiutarli a casa loro?,ci sarebbero meno morti,sarebbero più felici e costerebbe molto ma molto meno e sopratutto non aiuteremmo scafisti e gentaglia che lucra sulla schiavitù,perchè di questo si parla!

    Report

    Rispondi

  • luigirusso6667

    12 Luglio 2018 - 17:05

    La sinistra non ruba ,fa girare la moneta

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media