Cerca

Compleanno azzurro

VIDEO MESSAGGIO DEL CAV
"Tutto come vent'anni fa
Vinceremo ancora"

Berlusconi annuncia poi la grande festa di Forza Italia del 27 marzo, l'anniversario della vittoria alle elezioni: "Sconfiggemmo la gioiosa macchina da guerra di Occhetto"

Silvio Berlusconi

Silvio alla resa dei conti: visto da Benny

Stessa scenografia, con la libreria sullo sfondo, e giacca e cravatta come allora ma nuovo look senza trucco.  Silvio Berlusconi, nel giorno del ventesimo anniversario della fondazione di Forza Italia,  ha parlato al popolo azzurro attraverso un video-messaggio inviato al Tg4. Dopo aver ripercorso la storia del partito da lui fondato nel 1994 ribadisce: "Dopo 20 anni Fi e il suo leader sono qui: decisi ad affrontare le sfide che ci attendono", dice il Cavaliere ricordando la decisione di tornare a dare vita a Fi. "Questa è l'ultima chiamata, l'ultima occasione per difendere la libertà e il nostro diritto di vivere in un paese civile e prospero. Per questo ho chiesto e chiedo a tutti moderati e persone di buon senso, agli italiani che vogliono restare liberi, di scendere in campo con me e con Fi. Nessuno può tirarsi indietro: è in gioco nostro comune destino Non possiamo lasciare il Paese nelle mani di chi è responsabile della drammatica crisi che stiamo vivendo".

Guarda il video della discesa in campo nel 1994

Quella sera di 20 anni fa - Parlando del 26 gennaio 1994 Berlusconi ha detto: "Fu una decisione presa dopo molte riflessioni - racconta - e dopo aver constatato il fallimento di ogni tentativo di riunire i moderati» mentre «per la prima volta la sinistra stava per conquistare il potere sull'onda e a seguito attacco giudiziario a senso unico" con Tangentopoli. Il Cavaliere ricorda quella sera, la famiglia, gli amici e Mamma Rosa invitati a cena ai quali «esposi il mio progetto e tutti mi scongiurarono di non farlo: dicevano non sai cosa faranno, cercheranno di distruggerti". Poi, le parole della madre a convincerlo. La nascita di Forza Italia e il 'miracolo' elettorale contro il "perverso disegno di consegnare l'Italia alla sinistra con manette e inchieste che ha fallito". "Da allora - ha continuato Berlusconi - cominciò la guerra dei 20 anni con la sinistra e il suo braccio giudiziario che non hanno mai rinunciato al loro disegno eversivo perchè quando ai cittadini viene tolto il diritto di scegliere da chi essere governati non è più democrazia". Il leder azzurro è tornato poi a citare i "colpi di Stato" avvenuti negli ultimi anni, compreso il voto per la sua decadenza da senatore. 

La festa - Il Cav ha annunciato poi la grande festa di Forza Italia che sta organizzando per il 27 marzo, quando, cioè, "vincemmo le elezioni e sconfiggemmo la gioiosa macchina da guerra di Occhetto", spiega. "Quale giorno migliore per festeggiare?", ha aggiunto il leader di Fi. 

"Vinceremo" - Poi l'appello: "Chi vuole la libertà scenda in campo con noi. Abbiamo davanti tante sfide: le elezioni europee, le amministrative, la realizzazione di riforme che auspichiamo da anni e finalmente anche la sinistra sembra voler realizzare". "Il 2014 sarà il nostro nuovo 1994 e torneremo a vincere per noi, per i nostri figli, per la nostra Italia. Viva l'Italia, viva la libertà», ha concluso Silvio Berlusconi il suo video-messaggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    27 Gennaio 2014 - 21:09

    Non usava cerone, capelli della sorella, creme e cremette.

    Report

    Rispondi

  • roberto5310

    27 Gennaio 2014 - 09:09

    L'unico paese al Mondo che dopo venti anni trova sempre le stesse facce come leader...solo la Libia i Gheddafi era peggio. E voi ancora appresso a questa salma.....

    Report

    Rispondi

  • andresboli

    27 Gennaio 2014 - 09:09

    proprio non si vuol capire, che è stato superato il limite. Vuole anche il nostro sangue..

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    26 Gennaio 2014 - 22:10

    e' 'non candidabile'; é destinato ai domiciliari; deve affrontare altri processi dove sara' difficile che trovi altre nipoti di Mubarak; ha 10 punti (insormontabili) di distanza dal PD; ha suoi 'vicini' indagati; ha 78 anni e una salute malferma. E DICE 'come venti anni fa'. L'elisir di lunga vita non é stato ancora inventato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog