Cerca

Giarda

La battutina del ministro sul party: "Potevamo tassarli tutti"

Il tecnico chiacchierone prova a ironizzare sulla festa del 2 giugno: "Gli invitati dovevano pagare 1.000 euro, era una cifra equa..."

Piero Giarda

 

Mitico ministro Giarda: se non ci fosse bisognerebbe inventarlo. Non solo è il volto «umano» del governo dei super tecnici che non sbagliano mai e dichiarano lo stretto necessario (mentre a lui piace chiacchierare), ma riesce perfino a fare dell’ironia sulla tragedia dei terremotati, neanche fosse mister Bean. Primo giugno: ricevimento per la festa della Repubblica ai giardini del Quirinale. Le alte cariche ci sono tutte, scaricate dalle auto blu di fronte al palazzo; il governo dei sobri è (quasi) al completo e sobrietà doveva essere la parola d’ordine, considerate le vittime del sisma in Emilia. Eppure, Dino Piero Giarda da Milano, titolare per i Rapporti con il Parlamento, fine economista ed accademico con formazione ad Harvard, non resiste e spara la sua battuta al padrone di casa, Giorgio Napolitano, che per solidarietà verso l’Emilia ha chiesto una donazione agli illustri ospiti. «Avevo detto dall’inizio che avremmo dovuto tassare gli invitati, inviando loro una mail per sollecitarli a portare i contanti. Mille euro sarebbero stati una cifra equa», è il suggerimento dello spiritoso Giarda. Tassare, del resto, è una passeggiata per il suo governo. «Sì, ma sarebbe diventato difficile controllare l’evasione», ha ribattuto Napolitano. A quel punto è intervenuta la signora Clio: «Ma adesso non si possono prelevare così tanti contanti...». Sorrisi nel gruppetto: mille euro, in fondo, cosa saranno mai per i partecipanti al cocktail presidenziale? Poi però, forse, non sarebbe andato nessuno a brindare in pompa magna. 

E Giarda non smentisce la sua fama di tecnico un po’ gaffeur. Alla Camera è già stato bacchettato da Fini per il tono troppo colloquiale e poco rispettoso verso gli onorevoli deputati (celebre la volta dell’ordine del giorno «Mecacci e company»). Stavolta sarà lo stress da spending review , o il caldo, ma il ticket d’ingresso pro-terremotati, con siparietto di Napolitano, magari poteva evitarlo.

di Brunella Bolloli

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roliboni258

    04 Giugno 2012 - 11:11

    ha ragione il Sig.Giarda si doveva tassarli,e mandare anche Befera per controllare

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    04 Giugno 2012 - 10:10

    ma non 1000 euro ma 10000 euro da evolvere ai terremotati sarebbe stato un gesto che avrebbe dato un pò di umanità a napolitano intento solo a mostrarsi.

    Report

    Rispondi

  • antonioarezzo

    04 Giugno 2012 - 09:09

    siamo proprio in mano ad una manica di imbecilli....1.000 euro dovreste spenderli in medicine....mille al giorno pero'.

    Report

    Rispondi

  • marangonigianni

    03 Giugno 2012 - 22:10

    Noi semplici cittadini attendiamo con trepidazione che ci sia veramente una applicazione di equa giustizia sociale:I parassiti e le papere che hanno partecipato al buffet (pagato da noi) se avevano dignità dovevano devolvere almeno 1000 Eu per ogni loro crapa meschina per solidarietà ai sofferenti terremotati.Sono molto ma molto imbufalito!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog