Cerca

Arriva il decretone

Tassa sulle bibite gassate: il governo fa cassa anche così

Presto il dl del ministro Balduzzi: giro di vite su bevande e videopoker per trovare fondi per l'assistenza sanitaria. Medici e farmaci, ecco cosa cambia

Tassa sulle bibite gassate: il governo fa cassa anche così

La stretta del governo sul cosiddetto junk food? "Solo un modo per fare cassa", "un balzello iniquo, siamo inorriditi". Aurelio Ceresoli di Assobibe e Filippo Ferrua di Federalimentare commentano così, sul Sole 24 Ore, l'imminente decreto legge del ministro della Salute Renato Balduzzi che prevede una tassa sulle bevande gassate, e contributi straordinari di 50 euro ogni 100 litri immessi sul mercato a carico dei produttori di superalcolici e bevande analcoliche con zuccheri aggiunti. Ma il decretone segna una stretta anche sul divieto di vendere tabacchi ai minorenni, con multe inasprite da 250 fino a 1.000 euro per i trasgressori (e 2.000 euro per chi reitera il reato), e più limitazioni per gli apparecchi dedicati al gioco d'azzardo (videopoker, slot machines e affini), che non potranno essere installati in un raggio inferiore a 500 metri da scuole, centri giovanili, strutture sanitarie e residenziali o semiresidenziali.

Farmaci e medici di base - L'obiettivo del ministro Balduzzi è quello di trovare nuovi fondi per l'assistenza sanitaria: il dl verrà presentato al prossimo Consiglio dei ministri del 31 agosto e verrò sottoposto agli assessori alla Sanità regionali. Novità in vista anche su farmaci e medici di base. La libera professione intra moenia dall'1 gennaio 2013 cambierà: i medici potranno esercitarla solo in casi straordinari e in studi in rete telematica, e saranno esclusi dalle strutture i medici che non lavorino in esclusiva per il Servizio Sanitario Nazionale. I medici di base passeranno al ruolo unico e verranno assegnati a forme organizzative mono o multi-professionali e dovranno aderire obbligatoriamente al sistema informatico della Regione. Entro dicembre, poi, sarà messo a punto il nuovo prontuario farmaceutico con l'esclusione della rimborsabilità di quei medicinali non più utili al Ssn. Verifiche periodiche sul prezzo dei farmaci generici e sperimentazioni cliniche regionalizzate chiudono il pacchetto di riforme del decretone Balduzzi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gattotigrato

    27 Agosto 2012 - 11:11

    Si medicine gratis solo a parole, chi ha una qualche patologia o è invalido ora paga un sacco di euro di contributi sulla ricetta.Bibite? Vorrà dire che me li produrrò a casa: belle spremute con veri limoni italiani, caffe freddo e via dicendo con una gran pernacchia per il supertecnico.

    Report

    Rispondi

  • Aladina

    27 Agosto 2012 - 07:07

    adesso ci manca solo di tassare l'aria che respiriamo!

    Report

    Rispondi

  • vitasanas

    26 Agosto 2012 - 13:01

    Caro Ministro Balduzzi, l'obesità non si previene o sconfigge con le tasse sulle bibite!! È UN'ILLUSIONE!!! Lei, signor ministro, si é mai chiesto come mai il suo vice, il Prof. Dr. med. Cardinale continua ad essere obeso?? Non sicuramente perché beva cocacola o bevande zuccherate! LEI, signor Ministro, DEVE puntare sull'educazione alimentare NEUTRALE! Si legga il nostro libro: MAngiare sano e morire grassi, un paradosso, che paradosso non è!!! http://www.vitasanas.ch/?wp/?page_id=374

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    26 Agosto 2012 - 13:01

    a breve - per un nuovo medio evo - ritornerà la tassa sul macinato ......

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog