Cerca

E parlano di facce nuove

Fini, Casini e Pisanu: ecco i più ricchi della Casta

L'Idv Pedica pubblica la lista dei politici più longevi e pagati della Casta. Guida Pisanu, a cento parlamentari oltre 290 milioni

Fini, Casini e Pisanu: ecco i più ricchi della Casta

 

Hanno guadagnato bene con la Prima repubblica, sono diventati definitivamente ricchi con la Seconda e ora ci riprovano con la terza, perché la pensione si avvicina ma, si sa, in Italia la politica può regalare sempre nuove emozioni. Pierferdinando Casini e Gianfranco Fini sono tra i primatisti della speciale classifica degli onorevoli paperoni non per patrimonio personale ma per guadagni "istituzionali". Nella lista che verrà presentata dal senatore dell'Idv Stefano Pedica, il leader Udc è in Parlamento da 29 anni e 32 giorni mettendo da parte qualcosa come 4,18 milioni. Alla stessa quota l'amico e (ex?) alleato Fini, oggi presidente della Camera, in Parlamento dal 1983. Possono nascondersi dietro Cose Bianche, Passera, Montezemolo, ma il marchio della Casta ce l'hanno ben impresso sul portafoglio.

Il più ricco è Pisanu - In tutto quelli che Pedica chiama i "centosauri" del Parlamento secondo le stime del Sole 24 Ore si sono portati a casa 291,35 milioni. Tra i cento onorevoli stakanovisti spicca un altro protagonista degli ultimi mesi, Beppe Pisanu: l'ex Dc, oggi al Pdl e grande manovratore nei giorni della caduta di Berlusconi, è il più longevo del gruppo con 38 anni e 88 giorni nei Palazzi di Roma. L'attuale presidente della Commissione parlamentare antimafia avrebbe intascato 5,5 milioni. Massimo D'Alema, già premier, conta 23 anni e 125 giorni di anzianità e un guadagno di 3,36 milioni. E la Lega? E' un partito relativamente giovane, ma il suo ex segretario Umberto Bossi è 21° con 21 anni e 124 giorni di presenza e 3,07 milioni. C'è anche Silvio Berlusconi, premier per tre legislature e presente in Parlamento da 18 anni e 120 giorni con 2,64 milioni. Meno dell'ex ministro del centrosinistra Tiziano Treu (16 anni e 96 giorni) e il presidente del Senato Renato Schifani, con 2,34 milioni.


 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pantera54321

    04 Aprile 2015 - 01:01

    Sopratutto li hanno sudati................

    Report

    Rispondi

  • dionisio.attanasio

    24 Novembre 2012 - 09:09

    Poveretti stanno facendo la fame,Casini che difende Monti, che ha portato gli italiani alla rovina, per lui sta bene quello che ha fatto Monti Casini non ha problemi di sopravvivenza come noi.

    Report

    Rispondi

  • dionisio.attanasio

    24 Novembre 2012 - 09:09

    Poveretti stanno facendo la fame,Casini che difende Monti, che ha portato gli italiani alla rovina, per lui sta bene quello che ha fatto Monti Casini non ha problemi di sopravvivenza come noi.

    Report

    Rispondi

  • piccionesecco

    01 Ottobre 2012 - 14:02

    Quando saranno finiti tutti soldi che alimentano la casta, i partiti a secco, e nessuno vorrà più fare politica (a gratis) chi rimarrà? Solo il grande Silvio, l'uomo più ricco della Terra (se si conteggiano anche i soldi che ha in tutte le sue holdings, i suoi trust e le sue società off-shore nei vari Paradisi Fiscali)! E per i komunisti parassiti della società, sindacalisti fannulloni, magistrati guardoni saranno dolori!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog