Cerca

Fregatura a sinistra

Melandri, Amato & co: rottamati a spese nostre

Authority, enti pubblici, partecipate: agli abbandoni annunciati fanno seguito poltrone molto ben pagate

Melandri, Amato & co: rottamati a spese nostre

 

di Francesco Borgonovo

Giovanna Melandri, fresca di nomina alla presidenza del Maxxi, il museo di arte contemporanea di Roma, ha rilasciato ieri al Corriere della Sera un’intervista in cui stigmatizza il «clima di maccartismo bipartisan» che a suo parere si sarebbe diffuso nel Paese. Piccolo problema: qui non ci sono liste di proscrizione in cui iscrivere intellettuali incolpevoli. Gli unici elenchi facili da compilare sono quelli, sterminati, degli ex politici in qualche modo paracadutati su comode poltrone pagate dai contribuenti. 

La bionda e graziosa ex ministra per i Beni culturali fa sapere di aver già consegnato al presidente della Camera la sua lettera di dimissioni da parlamentare, pregandolo di metterla in calendario quanto prima. Secondo il ministero, ai presidenti delle fondazioni non spettano, per legge, compensi o indennità. La Melandri, tuttavia, ha spiegato al Corriere che  non percepirà compensi dal Maxxi finché le dimissioni non diventeranno effettive. A quel punto, sarà il cda del museo a stabilire l’ammontare del suo stipendio: le auguriamo di trovare al più presto una quadra.

Esempio per tutti - Giovanna si appresta dunque a seguire l’esempio di Giuliano Amato, di recente definitosi «autorottamato» per la sensibilità mostrata nel farsi da parte. Deputato del Psi, ministro del Tesoro, presidente del Consiglio, di nuovo ministro del Tesoro, poi ancora deputato, quindi consigliere di Monti, in predicato per il Quirinale, infine presidente della Treccani. Gli hanno dato pure un programma in Rai in cui teneva interessantissime lezioni di economia. 

Son cose commoventi, un po’ come la foto che si trova aprendo il sito web del Cnel, il Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro. Nella homepage campeggia uno scatto che ritrae due signori sorridenti intenti a stringersi la mano. Sono Antonio Marzano e Luigi Nicolais. Il primo è l’attuale presidente del Cnel, già tessera numero 9 di Forza Italia, già deputato, già ministro delle Attività produttive con Berlusconi. Il secondo è il presidente del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), già assessore in Campania, già ministro della Funzione pubblica con Prodi, già deputato del Pd. Curricula di tutto rispetto, per i due.

 

Leggi l'articolo integrale di Francesco Borgonovo
su Libero in edicola oggi, domenica 21 ottobre

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    23 Ottobre 2012 - 15:03

    Povero Bananas, è stata Ministro alla cultura per tre anni e il Maxxi lo ha creato lei. Io, poi, ho solo risposto al titolo dell'articolo. Però nessuno mi risponde sul destro messo a presiedere il CNEL, ex ministro del Governo Burlesque, tolto di là e messo qua. A stipendio, e che stipendio!!!!

    Report

    Rispondi

  • biri

    22 Ottobre 2012 - 16:04

    La presidenza del Maxxi non è retribuita. Potete riporre la bile in freezer, e farvi una camomilla.

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    22 Ottobre 2012 - 12:12

    Hai anche il coraggio di dire che la Melandri ha la competenza per la cultura ? Ma va a farti un brodo sinistro maldestro!

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    22 Ottobre 2012 - 12:12

    com'è che nessuno ha mai stignmatizzato prima, a suo tempo e nemmeno adesso questa nomina?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog