Cerca

Verso le urne

Anche Napolitano si è convinto: Monti ha le settimane contate

Assalto dei partiti al governo, presidente e premier d'accordo: si andrà al voto anticipato. Sul Porcellum intesa vicina

Settimana decisiva per la riforma della legge elettorale: al Senato accordo a un passo
Anche Napolitano si è convinto: Monti ha le settimane contate

 

di Fausto Carioti

 

Solo il bastione del Quirinale si frappone tra i partiti inseguiti da Beppe Grillo e il voto anticipato. E adesso anche quel bastione vacilla. Non che Giorgio Napolitano  abbia cambiato idea. È sempre convinto che la cosa giusta da fare sia cambiare la legge elettorale prima delle elezioni, se non altro per rimediare alle «carenze» del Porcellum identificate dalla Corte costituzionale nella sentenza del 2008, e riassumibili nel fatto che l’attuale legge elettorale non subordina la concessione del premio di maggioranza al raggiungimento di alcuna soglia, rendendo così possibile a una coalizione che magari ha solo il 20% dei voti di ottenere il 55% dei deputati.

Però, dinanzi alla richiesta unanime dei partiti di andare al voto nelle prime settimane del 2013 (condizione praticamente già realizzata), preso atto della non contrarietà del governo (Mario Monti ha già fatto capire che non si opporrebbe), il presidente della Repubblica non potrebbe che trarne l’unica conclusione possibile: meglio il voto anticipato che accanirsi su un Parlamento e un esecutivo ormai privi di scopo, utili solo a far guadagnare consensi a Grillo. Così dal Colle sono arrivati ai partiti i primi segnali di un Napolitano possibilista.

Anche perché non è detto che il voto anticipato sia sinonimo di elezioni col Porcellum. La prossima settimana in Commissione al Senato si capirà se c’è l’accordo per cambiare le regole del gioco. Se l’intesa non ci fosse, Napolitano non avrebbe molte carte da giocare: passare la pratica al governo dei tecnici, perché cambi la legge elettorale per decreto, o inviare un messaggio alle Camere, probabilmente servirebbe solo a perpetuare l’impasse. Così, se i partiti fossero ancora sulle posizioni attuali, che vedono tutti dichiaratamente favorevoli al voto anticipato, tranne il Pd che è silenziosamente favorevole, il 27 gennaio si potrebbe andare alle urne per eleggere i consigli regionali di Lombardia, Lazio e Molise nonché il prossimo Parlamento. 

Ma l’election day non è l’unica possibilità di andare al voto anticipato. Se infatti a palazzo Madama si trova l’intesa, tra due settimane il testo sbarca in aula e ci sono tutti i presupposti temporali affinché la Camera possa trasformarlo in legge prima di Natale. O affossarlo definitivamente. A quel punto, fatto il possibile per raddrizzare il Porcellum e varata la legge di stabilità, ascoltati i partiti e il governo, Napolitano potrebbe benissimo sciogliere le Camere e indire elezioni per la fine di febbraio. Non ci sarebbero i risparmi dell’election day, ma si guadagnerebbero comunque un paio di mesi rispetto alla scadenza naturale.

Finché la riforma elettorale è al Senato, la partita la gestisce il Pdl, che lì assieme alla Lega ha ancora la maggioranza. Anche se l’intesa, in realtà, è molto più ampia e comprende Pdl, Lega, Udc, Idv e Fli. Con la benedizione di Napolitano, questi partiti hanno trovato l’accordo per una nuova legge elettorale. L’impianto è fortemente proporzionale (il Pdl l’ha disegnata anche per consentire a una futuribile “Lista Berlusconi”, valutata attorno al 7%, di essere presente in Parlamento). Il premio di maggioranza è pari al 12,5-15% e viene concesso solo alla coalizione che raggiunge il 40%-42,5% dei voti. Sotto questa soglia è previsto solo un mini-premio del 5%, riservato però al primo partito. Insomma, nulla a che vedere con quel «modello spagnolo» evocato da Berlusconi nel libro di Bruno Vespa e che conviene solo a chi dispone almeno del 15-20% dei voti su tutto il territorio nazionale: uno status che il Pdl, come si è visto in Sicilia, non ha più.

Al Senato ci sono discrete probabilità che questo testo passi. Il problema sarà alla Camera, dove è previsto il voto segreto. Una simile riforma, infatti, renderebbe impossibile a Bersani governare dopo le elezioni: scontato dunque il voto negativo di gran parte del Pd. Pure nello stesso Pdl il Porcellum continua ad avere numerosi estimatori occulti, incluso il Cavaliere. Sarà dura. La disperazione del Pdl è tutta nella frase di una nota deputata: «Confidiamo in Napolitano, che non vuole il governo Bersani-Vendola. In questo momento è l’unico vero appoggio che abbiamo».

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imasa37

    05 Novembre 2012 - 11:11

    mi domando come noi Italiani continuiamo a sopportare questa classe politica Basta ,io alle elezioni non vado più,cosi i soldini che prendono dai voti,almeno i miei non li avranno in attesa che noi italiani veri si faccia qualche mossa Io sono pronto !!!

    Report

    Rispondi

  • Kaimano66

    03 Novembre 2012 - 13:01

    Guardateli li, i compagni di merenda che fanno di tutto di piu' ma non pensano a tutelare gli italiani onesti che lavorano! Alle imprese che non ce la fanno' piu' a reggere questo schifo.Per fare i belli difronte all'europa!

    Report

    Rispondi

  • blu521

    03 Novembre 2012 - 12:12

    Quante settimane? Un anno ne ha 52. E dopo Monti? Ma non eravate voi a salutare festosi il Berlusmonti, quello che mette la "sinistra" all'angolo? Bananas!

    Report

    Rispondi

  • alvit

    03 Novembre 2012 - 11:11

    Basterebbe andare al quirinale e dire a quel vecchio, amante dei carri sovietici e dei golpe, che smammi al più presto, che non si occupi di politica e di andare, con tutti i soldi che ci è costato a tutti noi, da quando è in politica, a fare passeggiare le pantegane o a farsi fare un giretto in barca dal "barcarolo", primo premio per lancio di molotov.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog