Cerca

Festa rovinata

Bersani contestato
a Napoli dai noglobal
"Basta lotta di classe"

Il segretario del Pd è stato interrotto durante il suo discorso di chiusura della campagna delle primarie a Napoli. I no global lo hanno attaccato per le violenze della polizia di ieri nelle piazze italiane

Uno scontro durato cinque minuti. La polziia ha poi bloccato i manifestanti e Bersani ha dovuto lasciare il tetaro Augusteo da un'uscita secondaria
No global contestano Bersani

Pierluigi Bersani non è ancora premier ma è già contestato. E' accaduto oggi, a Napoli al teatro Augusteo dove una cinquantina di noglobal hanno interrotto il discorso del segretrio del Pd per la chiusura della campagna dellle primarie.  Appena gli è stata data la parola, un gruppo di attivisti si è precipitato verso il palco cercando di salire, al grido "tutti liberi" e ha esibito foto degli scontri con le forze dell’ordine delle manifestazioni di ieri. Uno di loro ha preso la parola sul palco mentre altri srotolavano uno striscione "basta farse lotta di classe". Sotto il palco spintoni, calci e pugni tra servizio d’ordine e no global nonostante fosse stata lasciata la parola al loro rappresentante. Il parapiglia è durato meno di cinque minuti, contenuto dalla polizia. Dopo il parapiglia bloccato dalle forze dell'ordine, Bersani si è dato alla fuga. Ha infatti lasciato il teatro da una uscita secondaria sul retro.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 44carlomaria

    16 Novembre 2012 - 11:11

    Quindi non hanno una banca ma, hanno il servizio d'ordine del partito! Alla Lega fu proibito istituire servizi d'ordine ai comunisti no, no, no. Viva la costituzione e chi l'ha scritta. Asvedoomia

    Report

    Rispondi

  • stefano.a.e

    15 Novembre 2012 - 20:08

    Come la risposta della sibilla lo striscione va letto con la virgola giusta. L'interpretazione corretta mi pare questa: BASTA FARSE! LOTTA DI CLASSE!

    Report

    Rispondi

blog