Cerca

parlamentarie

Grillo, si chiudono le primarie
I capilista? Casalinghe e disoccupate

I candidati alle politiche del Movimento cinque Stelle sono sicuri di arrivare in parlamento. Fra loro competenti pochi. Delusi e trombati tanti. Ecco chi sono

Beppe Grillo

Beppe Grillo

 

Le "parlamentarie" si sono chiuse. Si sono mai aperte? Secondo Beppe Grillo sì. Secondo i suoi stessi attivisti no. Comunque sia la farsa è finita e ora bisogna accettare il verdetto delle urne virtuali del Movimento cinque Stelle. Ora abbiamo i nomi dei candidati. Bisogna fare una riflessione. A queste elezioni potevano partecipare chi seppur attivista del M5S, non è mai riuscito a farsi elggere sia alle comunali che alle regionali. Poi ci sono quelli che ci provano per la prima volta, ma che da tempo hanno la "tessera" del movimento. Dunque in sostanza i grillini giocano sfidando la fortuna. Chi si è candidato subito, al primo giro si è dovuto accontentare di un posto in consiglio comunale o nella migliore delle ipotesi in consiglio regionale. Chi invece arriva per ultimo meglio alloggia. Sì perchè i perdenti ora possono andare in parlamento. Chi non è stato nememno eletto nelle precedenti consultazioni, chi dagli elettori non è stato considerato meritevole del voto ora si ritrova candidato al parlamento per le politiche del 2013. E chi sono quelli che di sicuro entreranno nella politcia che conta? Ovviamente i capolista. E chi sono questi fortunati che con appena 150 voti si sono quasi virtualmente assicurati un seggio in parlamento? Di tutto, di più. Con una media di età che si aggira intorno ai 35 anni. Sono più donne che uomini. Nelle 27 circoscrizioni ben 17 sono le donne che fanno da capilista, 10 gli uomini.

Hobby? Il giornalismo - In Sicilia c'è Giulia Grillo, medico di 37 anni eletta in Sicilia. Poi c'è la piemontese Laura Castelli impiegata, laureata in economia che dal 2010 ha iniziato a occuparsi di problemi legati al ’ambiente e ai rifiuti.Poi è il turno delle studentesse come Giulia Sarti dell’Emilia Romagna, laureata in giurisprudenza che tra gli hobby ha il giornalismo. A dodici anni sostiene di aver intervistato la moglie di Carlo Azeglio Ciampi. Dalila Nesci della Calabria ha tendenze napoleoniche. Nel suo video dice:“Votatemi per cambiare la storia”.

Disoccupata - C'è anche una disoccupata Arianna Spessotto, 27 anni veneta. Alle spalle Arianna ha un lavoro come commessa con contratto part-time e tre stage nella pubblica amministrazione. "Personalmente – scrive nella sua dichiarazione di intenti – il movimento5stelle mi ha colpita, oltre che per i punti del programma che ovviamente condivido, per il metodo che propone, ossia quello della democrazia diretta, grazie al quale il cittadino può decidere attivamente della vita pubblica. Quindi, io credo che uno dei temi da affrontare prioritariamente quando avremo i nostri portavoce in parlamento, sia quello di introdurre nella costituzione italiana tutti i migliori strumenti di democrazia diretta esistenti al mondo". Già quando ti votano in 150 è davvero una bella democrazia diretta.

La casalinga - La più anziana capolista ha 57 anni, si chiama Milena Bertagnin candidata in Trentino Alto Adige. Lei è casalinga. "Ho fatto l’operaia, l’impiegata, l’imprenditrice ed infine la casalinga, facendo sempre anche la mamma. Ho vissuto sia la difficoltà di arrivare a fatica a fine mese, sia la difficoltà di gestione di una azienda, nonché l’essere mamma e lavorare a casa. Spero di poter portare nel gruppo l’esperienza di una persona comune che ha sempre e comunque vissuto con passione ed entusiasmo tutte fasi della vita, cercando di essere un punto di riferimento per quanti mi conoscono". Casalinghe, disoccupate, studentesse. Tutte donne. e questo dis icuro è un buon risultato. Ma la competenza per votare una finanziaria? Forse era meglio premiare chi almeno si è già fatto le ossa in qualche consiglio comunale. La politica non è un gioco.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allerria

    09 Dicembre 2012 - 21:09

    una cosa buona l'ha già fatta,ha attirato su di sè le baggianate che gli pseudogiornalisti di questa testata abitualmente prima riservavano alle lega,per cui come leghista ringrazio grillo di esistere e gli auguro pure un gran successo elettorale e che il pdl sprofondi per sempre nel nulla insieme agli ipocriti cattocomunisti del pd.ciao a tutti.

    Report

    Rispondi

blog