Cerca

Terrore in loden

D'Alema attacca Monti: "Resta fuori"
E il Prof lo snobba: "Non leggo cosa dice"

Baffino comincia ad avere paura. Un Monti in campo sarebbe la fine per la sinistra che gongola verso il voto. Avvisa Monti ma lui nemmeno lo ascolta
D'Alema attacca Monti: "Resta fuori"
E il Prof lo snobba: "Non leggo cosa dice"
"Monti non si deve candidare". Il diktat di Massimo D'Alema, sa di paura, paura che se il Prof scendesse in campo, il centrosinistra perderebbe le elezioni. Dice il presidente del Copasir in una intervista al Corriere della Sera: "Monti sta logorando la sua immagine. Preservi se stesso, sia utile al Paese, non si faccia coinvolgere negli spasmi di una crisi politica sempre più convulsa e sconcertante per i cittadini". Perché spiega D'Alema: "Che senso ha che Berlusconi, che lo ha attaccato e sfiduciato, lo candidi oggi a guidare uno schieramento che avrebbe come unico collante l'avversione alla sinistra? Sarebbe meglio se Monti preservasse la sua figura di super partes al servizio della Repubblica e la conservasse anche per il futuro prossimo.  Avendo grande stima di lui spero che non lo farà. Ad ogni modo non si può più andare avanti con questa incertezza sul suo futuro: è meglio che chiarisca al più presto". Insomma statti fermo che dopo a te ci pensiamo noi. D'Alema si sente alla pari del Prof. Monti lo redarguisce subito e a chi gli chiede una risposta sulle dichiarazioni di "Baffino" risponde secco:  “Non ho letto   l'intervista e non ritengo opportuno entrare oggi nell’argomento". Per il Prof il problema D'Alema non esiste. Poi un giornalista gli riassume quanto dichiarato da Baffino al Corriere e allora Monti corregge un pochino il tiro. "I consigli, soprattutto quando   vengono da persone autorevoli e che stimo molto e alle quali ho   chiesto consigli più volte in passato, li prendo sempre in   considerazione”. Sa tanto di risposta educata che sfocia in un bel "me ne frego". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gattomatto

    15 Dicembre 2012 - 12:12

    Sarà pure intelligente, ma in questo caso la sua uscita ha fatto proprio bene al PD. Grazie Baffino

    Report

    Rispondi

  • D.P.F.

    15 Dicembre 2012 - 11:11

    Cretino ? No davvero, semmai furbino, di quella furbizia che trascende il concetto di serietà ed intelligenza. Vista la sua asserzione, mi e ci dica, come valuterebbe lei l'intelligenza di una persona ? Magari con il declamare la Lega una costola della sinistra per poi avversarla come proto fascista ? O essere così solidali con i kompagni slavi da autorizzare l'aviazione italiana a partecipare ai raids Nato sulla Serbia (bombe all'uranio impoverito)? Oppure a predicare un credo sociale comune, badi bene non ho detto comunista o collettivista, e veleggiare in yacht o risiedere in tenuta agricola ? Se questa è intelligenza, sa cosa ? Spero rinsavire anch'io, che per decenni ho sudato per uno stipendio che il baffetto - assieme a TUTTI i suoi accoliti di ogni colore - spendono in fatuità in una settimana. Spendevo 800mila lire/mese per un mutuo di una casa di 90mq. quando costui ne pagava 100 per una di 250. Risposta coerente e non polemica o massimalista sarà apprezzata.

    Report

    Rispondi

  • lepanto1571

    15 Dicembre 2012 - 10:10

    Che D'Alema sia intelligente lo si è capito quando da ragazzo e presidente dei giovani comunisti portava i fiori al gran capo, quello che contribuì a far uccidere i comunisti italiani in urss. Ammiratore di Stalin che infatti ha massacrato più comunisti di Hitler: Grande uomo.

    Report

    Rispondi

  • afadri

    15 Dicembre 2012 - 09:09

    Ne faccio volentieri a meno di un decimo della sua intelligenza

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog