Cerca

Battaglia sulle date

Elezioni, la nota del Pdl: "Votiamo due settimane dopo"

Gli azzurri: "Alle urne il 17 febbraio? Sarebbe caos per gli italiani all'estero. Meglio il 24 febbraio o il 3 marzo"
Elezioni, la nota del Pdl: "Votiamo due settimane dopo"

Il Pdl chiede di votare due settimane dopo la data più probabile, quella del 17 febbraio. Il problema, spiega una nota del settore elettorale del partito, verrebbe dal voto degli italiani all'estero: "Se la data del voto fosse quella ipotizzata del 17 febbraio, più di 4 milioni di cittadini italiani residenti all'estero potrebbero non vedersi recapitare in tempo utile i plichi contenenti le schede elettorali". "Il complesso lavoro di bonifica degli elenchi affidata ai Consolati esteri, che normalmente necessita di almeno quattro settimane, calcolando la data del voto al 17 febbraio - spiegano dal Pdl -, non lascerebbe il tempo necessario ad effettuare correttamente la convocazione degli aventi diritto al voto. Ne conseguirebbe un caos nei giorni del voto, che all'estero è ulteriormente anticipato di circa venti giorni, con decine di migliaia di cittadini italiani impossibilitati ad esercitare il loro diritto". 


 


Le nuove date
- "Di fronte a questo rischio di democrazia elettorale - si legge ancora nella nota - il rinvio di una o due settimane consentirebbe certamente agli uffici centrali ed esteri di poter operare in maniera precisa e puntuale, senza inficiare il corretto voto all'estero e conseguentemente per il rinnovo del Parlamento". "Ribadiamo dunque una opportunità di assoluto buon senso: votare il 24 febbraio o il 3 marzo - sottolinea ancora il Pdl - consentirebbe di realizzare l'intero procedimento elettorale senza alcun rischio". 

Berlusconi: "Niente fretta" - Dagli studi Rai di Porta a Porta, dov'è ospite martedì, lo stesso Silvio Berlusconi predica calma: "La campagna elettorale è ancora di là da venire... - scherza, ma non troppo, con Bruno Vespa -. Abbiamo proposto di spostare le elezioni perché questa fretta di andare al voto dà un impulso di fretta alla costituzione delle liste e dà un impulso di fretta alle elezioni. E' una forzatura inutile". Contemporaneamente, in Senato, il ddl Stabilità non è ancora stato preso in esame, slittando per la quarta volta a mercoledì mattina. E il Pd accusa il centrodestra: "Vogliono allungare la vita a Monti". Letteralmente, perché il premier aveva ribadito che si sarebbe dimesso non appena la legge di stabilità avesse avuto il sì del Parlamento. 

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sconosciuto

    19 Dicembre 2012 - 15:03

    Controlliamo bene! quando i sinistri hanno premura ce sempre qualcosa sotto. non fidiamoci controlli e ancora controlli..

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    19 Dicembre 2012 - 14:02

    Pedala, pedala che sei quasi arrivato!

    Report

    Rispondi

  • bepper

    19 Dicembre 2012 - 11:11

    Ma Silvio non aveva detto che faceva cadere il governo, oltre al solito fuoco e fiamme, se non si fosse votato per il 10 febbraio?

    Report

    Rispondi

  • gosth

    19 Dicembre 2012 - 08:08

    la dice tutta, un uomo...due facce :)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog