Cerca

Il racconto

Depistaggi, indirizzi falsi, spiate:
il vertice carbonaro di Monti

Il Professore si presenta in conferenza stampa dopo quattro ore di summit in un luogo segreto: in pieno stile Club Bilderberg (o una sorta di Trilateral)
Mario Monti

Mario Monti

 

di Fabrizio Melis

Esaurita la breve ma intensa fase De Gasperi, Mario Monti sale un gradino nella scala dell’autocertificazione da padre della patria inaugurando il periodo mazziniano. Nel senso di carbonaro, però. Perché va bene il riserbo, la sobrietà e tutto il resto, ma qui si rasenta l’entrata in clandestinità. La riunione di ieri tra premier e luogotenenti centristi, infatti, è stata tenuta in località segreta. Di certo c’è solo che si sono riuniti, e questo converrà farsi bastare.

Il pronostico della vigilia dava per teatro dell’incontro la comunità di Sant’Egidio. Campo neutro (perché sede non istituzionale) ma non troppo (perché quartier generale del ministro-sherpa Andrea Riccardi), come cornice dava tutte le garanzie del caso: metteva il premier al riparo dalle critiche delle vestali - più o meno improvvisate - della Sacralità Delle Regole pronte a rinfacciargli l’utilizzo di Palazzo Chigi come centrale elettorale e al contempo consentiva agli assemblatori del centro montiano di giocare in casa.

E invece, ciccia. Ad incontro appena iniziato, le agenzie battono il piccolo ma significativo cambio di programma. Niente Sant’Egidio, il summit sta avvenendo in una località protetta della quale nulla si sa e della quale nulla si deve sapere. Dopo quattro ore di black out informativo totale, sui teleschermi esce la notizia che l’incontro è finito. Su dove si sia tenuto, però, il mistero resta insondabile. In serata circoleranno svariate ipotesi (tra cui casa di Casini, convento di suore e residenza privata di un non meglio chiarito monsignore), destinate però a restare tali.

Ora, nessuno pretende che discussioni sensibili come lo sono quelle sulle liste elettorali avvengano a porte aperte con diretta sui maxischermi. Solo, senza nulla togliere alle sacrosante esigenze di riservatezza che la circostanza comporta, indicare (a giornalisti ed addetti ai lavori, mica alle folle) uno straccio di portone davanti al quale prendersi quattro ore di freddo per poi provare a decrittare le facce di Casini e Passera all’uscita sarebbe stato quantomeno urbano.

Si potrebbe persino azzardare che di un po’ di riserbo in meno avrebbe potuto trarre giovamento anche lo stesso Professore. Alla cui immagine tutto fa gioco fuorché quanto contribuisca ad ispessire quella coltre di segretezza ed impenetrabilità che il premier da sempre si porta appresso. Tanto per fare un esempio, le riunioni del Club Bilderberg cui il Professore viene spesso invitato (e sulle quali tanta speculazione viene fatta da quanti hanno interesse ad associare la figura del premier a consorterie men che limpide) un indirizzo ce l’hanno e, più in generale, rispetto alla riunione top secret di ieri paiono la reclame della cristallinità.

Senza contare il fatto che un atteggiamento così reticente pare fare un po’ a pugni con l’afflato tutto trasparenza e irreprensibilità che il premier vuole dettare come criterio nella formazione della propria area politica. Da chi vorrebbe imporre ai propri candidati draconiana inequivocità quanto a dichiarazione dei redditi, stato patrimoniale, conflitti di interessi e similari, tutto è lecito aspettarsi tranne che si metta a depistare l’universo mondo per farsi i vertici politici fuori da ogni radar. A meno che, in ossequio alle immortali leggi che regolano  la politica da qualche secolo, anche dalle parti del Professore la trasparenza non abbia iniziato a valere tanto per gli altri e un po’ meno per se stessi.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Franco Pezzali

    29 Dicembre 2012 - 14:02

    E' preoccupante che in Italia conti solo quello che fa o non fa Berlusconi, e che tutto gli venga criticato negativamente contro. Altri sono il luridume della politica, a cominciare da chi non osserva la Costituzione. Tutti sono liberi di fare i loro porci comodi meno il Cav. Avevo deciso dinon andare più a votare. Ora andrò e votero Berlusconi. E inviterò amici e parenti a farlo. Tutto farei contro i vigliacchi politicanti che negherebbero per il potere la PROPRIA MADRE-

    Report

    Rispondi

  • villiam

    29 Dicembre 2012 - 11:11

    è talmente pulito quello che sta facendo che ha bisogno di riunioni segrete ,un giorno si scoprirà chi veramente è il massone monti e forse nasceranno guai!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    29 Dicembre 2012 - 11:11

    come al governo,sono solo parole.Controllate quanti avevano la lorofedina non proprio immacolata cominciando da passera a grilli ecc.

    Report

    Rispondi

  • Megas Alexandros

    29 Dicembre 2012 - 10:10

    ma cosa credete che importi alla gente dove cazzo si riunisce monti e quel lurido strisciante verme di casini insieme agli altri scagnozzi megalomani e inetti alla montezemolo e riccardi? Alla gente non gliene può fregar di meno!!! E voi idioti di giornalisti invece di correre a dietro a questi tracotanti ed insulsi individui, come se dai loro stomachevoli consessi dipendessere le sorti dell'universo, potreste andare tranquillamente a farvi una cioccolata calda alla facciaccia loro...non credete di esagerare con questa pseudo informazione? Stare come cani randagi ad aspettare che un pirla come casini venga fuori e biascichi le solite stronzate senza dire nulla di nulla vi sembra un buon motivo per sopportare il freddo invernale! RIDICOLI!!!

    Report

    Rispondi

blog