Cerca

Ultimo affondo del Cav

Berlusconi: Monti sarà uno dei tanti leaderini

Silvio attacca il premier e dà la ricetta per salvare l'Italia: il Centrino sottrae voti ai moderati

Silvio Berlusconi

 

Un altro duro attacco di Silvio Berlusconi a Mario Monti. Nel giorno di Capodanno l'ex premier rilascia un'intervista al vetriolo all'emittente RadioNorba e, senza mezzi termini, commenta la discesa in campo di Monti e la sua adesione ai partiti di "Centro": "Monti aveva promesso al Capo dello Stato e a me che non sarebbe diventato protagonista della politica, invece adesso ha deciso di scendere in campo con gli altri, sarà uno dei tanti leader o leaderini che affollano la politica e si è messo soprattutto con dei compagni di viaggio che glieli raccomando". Il riferimento è ovviamente ai suoi ex alleati Pierferdinando Casini e Gianfranco Fini. E ha spiegato che secondo lui  "Centrino potrà solo sottrarre dei voti alla coalizione dei moderati per sostenere la sinistra presso la quale si stanno promuovendo come ruota di scorta". Ha quindi sottolineato la necessità di non disperdere i voti: "Perchè l’Italia si salvi è necessario che uno dei due grandi partiti, uno della sinistra e uno del centro destra, abbia la maggioranza in Parlamento e non debba appoggiarsi e discutere ogni cosa con i piccoli partiti.

La candidatura di Grasso Berlusconi ha poi parlato della candidatura dell'ex procuratore antimafia Pietro Grasso: "Stimo il procuratore Grasso perché è  un tipo di magistrato ben diverso dagli Ingroia o dai Di Pietro o dai Caselli, ma proprio per questo avrei preferito non vedere un uomo come lui scendere in politica". Alla domanda "lei avrebbe candidato Grasso?", risponde: "No io non lo avrei candidato". Ha anche annunciato che non vi sara' alcun magistrato nelle liste del Pdl.

Mai parlato di commissione su Napolitano - E sulle polemiche per una commissione d'inchiesta che possa indagare sulla caduta del suo governo, in quel novembre 2012, il Cav precisa di non aver mai fatto il nome del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano: "Non ho mai fatto alcun riferimento al ruolo di Giorgio Napolitano. Durante un’intervista mi è stata rivolta una domanda riguardo al ruolo del Presidente. Io ho risposto che sarà la storia a fare luce sui giorni della caduta del mio governo e, prima della storia, cercheremo di mettere in campo, sempre vincendo le elezioni, una commissione di vigilanza che dovrà esaminare tutta la situazione di quei giorni. Ma - aggiunge il leader Pdl - non ho mai fatto esplicitamente riferimento a un possibile ruolo del Presidente Giorgio Napolitano"

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • INCAZZATONERO69

    03 Gennaio 2013 - 20:08

    Quelli come te,nei regimi totalitari,farebbero le zoccole di corte,e nulla più,caro idiota saputello dè stò par dè palle.Premesso che inneggio volentieri alla patonza,a differenza tua che preferisci l'incularella tra compagni di merende,quindi, come recita un vecchio adagio, i gusti son gusti, vero caro imbecille poco di buono che non sei altro? Coglione,io non ho tempo da sprecare, non appartengo alla tua categoria,e cioè, i fancazzisti, le ideologie le lascio agli allocchi senza palle come te,io preferisco la logica,e la logica mi suggerisce che sei un uomo di merda...Mentre te saresti il nono nano...stronzolo...

    Report

    Rispondi

  • 654321

    03 Gennaio 2013 - 18:06

    ...eccelso adetto ai ratti. Secondo il mio umile punto di vista, ti hanno lavato il cervello! Solo il fatto che tu dia per certo le appartenenze politiche altrui! Ma te invece, hai trovato la valle dell 'Eden? Narraci, quali esenti peccato, tutti i bravi bravissimi, coloro che sono vocati per il popolo, forse il tuo crede agli asini che volano, forse il tuo popolo pecora fa insorgere le dittature, o no ? Le peggiori sono quelle comuniste, e ancora ne paghiamo le conseguenze! Evidentemente vivi in una cupola di vetro, lontano dalle gestioni rosse, sei illuso , io vivo dove te professi il giusto, sei lontano da ogni realta ' , Pompimpompom, beato te che hai come nemico il tuo Silvio, tolto lui saresti felice di esistere. Bravo, sogna, non hai ancora capito che quelli prima del tuo Silvio, sono diventati ricchi e di quelli come te ci si puliscono il culo. Sogna, ma stai attento al risveglio, ti avevano avvisato, come quando felicemente hai stappato la bottiglia, il bello verra' .

    Report

    Rispondi

  • manuelebonbon

    03 Gennaio 2013 - 15:03

    capisco che, resoti conto di aver sprecato parte della tua vita da bananas omofobico e misogino, tu sia incazzato nero ma nella Corea Del Caro Leader o nella URSS del Grande Padre o nella Germania del Fuhrer quelli come me sarebbero nei lager o nei gulag e quelli come te invece alzerebbero le bandiere inneggianti la patonza. Eccoti lì, dopo Hitler, Stalin e Pol Pot, commosso guardare rapito il tuo grande leader/duce/caudillo: l'ottavo nano Trombolo!

    Report

    Rispondi

  • manuelebonbon

    03 Gennaio 2013 - 15:03

    Hai ragione; posto a senso unico ed ovviamene sono fazioso e partigiano ma lo sai he Lui è l'unico rimasto nel suo genere (a meno che tu non voglia considerare la Corea del Caro Leader dove tu e Lui vi trovereste come bene tarponi nella fogna) o gli "amici" di "intenti", Putin, Gheddafi, Orban, Lukashenko. Per quanto riguarda mezzo secolo passato lascia perdere: comunismo e nazismo aspiravano a cambiare radicalmente l'umanità e comprendo, ovviamente senza approvarla, il fanatismo dei militanti. Oggi il berlusconismo aspira solo a far diventare più ricco il "Piccolo Padre" e a fargli trombare tante minorenni rimbambendo i poveri astanti analfabeti. Ai militanti come te in cambio l'ambito premio di poter leggere delle sue fidanzatine su Chi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog