Cerca

La grande fuga

Forza Italia, ecco tutti i delusi che potrebbero lasciare il partito

Angelino Alfano

Chiuse le liste, inizia il terremoto. I malumori si sono manifestati da subito, appena l'ufficialità era stata sancita dall'elenco. Nella tribolata Forza Italia il più arrabbiato è Claudio Scajola, il ligure campione di preferenze, escluso dalle Europee senza aver ricevuto, racconta, alcuna spiegazione. E così, Scajola, come Bonaiuti e chi prima di Paolino, ora sarebbe pronto a lasciare gli azzurri, e in un'intervista di fuoco concessa a Repubblica non fa nulla per nasconderlo.

I nomi - Ma non c'è solo Scajola. Secondo quanto rivela Repubblica, sia alla Camera sia al Senato diversi esponenti di Forza Italia e di Gal starebbero aspettando il risultato del voto per approdare a Ncd: se Angelino Alfano raggiungesse il 4%, come ampiamente pronosticato, in molti potrebbero dire addio al tribolato partito di Silvio Berlusconi. Nel dettaglio, si parla di trattative aperte con Pietro Langella, Francesco Amoruso e Francesco Bruni. Sullo sfondo, però, non solo il Ncd di Alfano: c'è infatti chi potrebbe accasarsi anche in Scelta Civica, il centrino di Mario Monti, per il quale starebbe agendo Alberto Bombassei, che viene indicato in "pressing" sugli azzurri.

Casi rientrati - Per quel che riguarda Alfano, il compito di "attrarre" gli azzurri delusi sarebbe stato delegato a Nunzia De Girolamo e Maurizio Sacconi, i due capigruppo di Montecitorio e Palazzo Madama: il loro obiettivo è quello di strappare, dopo il 25 maggio, tra i 10 e i 15 senatori. Tra i casi rientrati, quello di Gianfranco Micciché, che aveva minacciato ritiro e abbandono del partito nel caso in cui non avesse ottenuto garanzie sull'appoggio in campagna elettorale in Sicilia, regione dove il partito è guidato dal suo avversario interno, Antonio Gibilino (Micchiché avrebbe ottenuto tutto quello che chiedeva). Infine, qualche malumore per la candidatura di Ylenia Citino, 27 anni, ex tronista di Uomini e Donne, una nomina che non sarebbe piaciuta a Francesca Pascale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • willyroger

    18 Aprile 2014 - 04:04

    prima sparisce questo partito di affaristi e nominati e meglio è, sono tutti dei lobbisti che hanno affamato il popolo per servire il padrone che è l'unico che ha goduto di tutte le leggi ad personam fatte solo per tutelare i suoi sporchi affari di famiglia

    Report

    Rispondi

  • raf1943

    17 Aprile 2014 - 14:02

    Sono quasi tutti personaggi largamente beneficiati in passato da Berlusconi e guarda caso quasi tutti con un seguito di alcune centinaia di voti!Se vanno via non bisogna richiedere a loro nemmeno il risarcimento del danno se non quello della irriconoscenza per quanto hanno ricevuto senza meritarlo!!Tornino pure a fare i segretari di circolo locale di NCD!!

    Report

    Rispondi

  • tontolomeo baschetti

    17 Aprile 2014 - 14:02

    delfino47 - no esiste un fascista non traditore, non esiste.

    Report

    Rispondi

  • delfino47

    17 Aprile 2014 - 13:01

    Gran "bella" gente ! Come tutti i traditori sono da vomito e senza vergogna.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog