Cerca

La guerra dei numeri

Sondaggio Pagnoncelli: ecco chi vota per Forza Italia e Ncd

Sondaggio Pagnoncelli: ecco chi vota per Forza Italia e Ncd

In vista del voto del 25 maggio, la guerra dei sondaggi si infiamma e i dati cominciano ad avere un peso determinante anche per la strategia dei partiti. Con i nuovi dati pubblicati dal Corriere della Sera e l'analisi di Nando Pagnoncelli si fa chiarezza sui flussi elettorali che dopo le poliotiche del 2013 sono pronti a spostarsi da un partito all'altro. Così la marea di voti dell'elettorato indeciso diventa l'ago della bilancia per le prossime elezioni europee. Circa due terzi degli elettori del Pd e della Lega Nord, come raccontano i dati raccolti da Pagnoncelli appaiono propensi a confermare il proprio voto e il 59% degli elettori del M5S risulta fedele alla scelta del 2013. Tra coloro che avevano votato il Pdl il 59% intenderebbe votare Forza Italia, l’8% Ncd e il 7% Pd. Questo è il dato che preoccupa di più gli azzurri. La fuga di voti è un campanello d'allarme da non sottovalutare. Soprattutto se a beneficiarne è Alfano o addirittura Renzi.

I dati - D’altra parte si è più volte sottolineato il grande appeal di Matteo Renzi presso l’elettorato di centrodestra e quello centrista. I flussi di provenienza del voto di ciascun partito evidenziano infatti che tra quanti oggi voterebbero il Pd solo la metà (54%) aveva votato per lo stesso partito lo scorso anno. Ma a pescare sia a destra che a sinistra è il Movimento Cinque Stelle
Il partito di Grillo ha una fortissima componente di elettori del 2013 (80%) e attrae in misura uguale elettori Pd e Pdl (4%). Un discorso a parte riguarda il partito di Alfano.

Ncd e Fdi - Ncd al momento avrebbe un elettorato proveniente per quasi la metà dal bacino originario (31% da elettori Pdl e 15% da elettori Udc e Fli), per il 20% da Scelta civica, per l’8% dal M5S, per il 6% da Fdi e per l’8% da chi nel 2013 si era astenuto. Stessa storia per Fratelli d'Italia che ruba voti a Forza Italia. Tra gli elettori del partito di Giorgia Meloni solo un quarto proviene da elettori che avevano votato per Fdi nel 2013 mentre il 23% proviene da elettori Pdl, il 15% dal M5S, il 7% dalla Lega e ben 11% da astensionisti. Insomma nel centrodestra è sfida all'ultimo voto. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lonato47

    30 Aprile 2014 - 22:10

    Terrorizzati dai sondaggi quasi unanimi e' consolatorio pensare che il centro destra con dentro tutti e il contrario di tutti possa essere avanti. Avanti cosi e la sinistra ringraziera' chi ha devastato il popolo dei moderati cominciando dall'Assegnato ai Servizi Sociali.

    Report

    Rispondi

  • maurizio52

    29 Aprile 2014 - 09:09

    Vergognoso votare partiti come Pd M5s che voteranno la liberalizzazione delle droghe e liberare i piccoli spacciatori invece di creare posti di lavoro ai giovani. Inoltre stanno discutendo al senato di spaccare la famiglia tradizionale. POVERA ITALIA inizia la sua decadenza.

    Report

    Rispondi

  • tingen

    26 Aprile 2014 - 17:05

    Assurdo credere a Pagnoncelli che presenta i suoi sondaggi su Rai3 e Corriere. Come sempre accade, alle elezioni Forza Italia ottiene almeno il 30% in più dei consensi rispetto ai sondaggi. In merito a Ncd, dicono le stesse cose di Fli che alla fine ottenne lo 0,5%.

    Report

    Rispondi

  • babbone

    26 Aprile 2014 - 16:04

    Secondo me il ncd. non supera il 4%.

    Report

    Rispondi

    • blu521

      26 Aprile 2014 - 19:07

      Lo faccia sapere a Pagnoncelli

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog