Cerca

Notte a 5 Stelle

M5S, Beppe Grillo show a Porta a Porta: che scintille con Bruno Vespa

M5S, Beppe Grillo show a Porta a Porta: che scintille con Bruno Vespa

"Una foto da normale ce l'avete? Perché non ne avete mai messe...". Inizia con una battuta velenosa l'attesissima ospitata di Beppe Grillo nel salotto di Bruno Vespa a Porta a porta. Circondato da decine di fotografi, il leader del Movimento 5 Stelle ha fatto subito intuire che sarà una notte di scintille. Dopo il Tg1 Flash, via all'intervista davanti al tanto annunciato "plastico" dei palazzi del potere romani. Plastico che nel pomeriggio aveva creato un caso diplomatico tra Pd e Rai. In realtà, il plastico è quello di "Un castello con un carcere", come spiega lo stesso Grillo prima della trasmissione.

Grillo padrone di casa - "E' dal 1993 che non vengo in uno studio in diretta. Sono commosso". Grillo è padrone della scena (nel backstage Vespa si è scattato un selfie insieme al leader più mediatico in circolazione...), cammina, è malizioso: "Il pubblico è sempre lo stesso, pagato per sorridere ma non può intervenire. E' la metafora dell'Italia. Sono tutti pagati, danno 80 euro anche a voi?". Il suo è subito un comizio: "Son qua per una mossa politica, non sono un bravo ragazzo ma non sono come mi dipingono. Io risulto uno che grida, è vero, sono arrabbiato, a volte esagero, ma è una rabbia che ha unito in un bel sogno 10 milioni di italiani. Non siamo andati in piazza a sfasciare vetrine o a prenderci a mazzate con i poliziotti". Vespa lo incalza subito: "Lei grida, ha anche parlato di lupara bianca...". "E' un gergo giornalistico. Scomparirà anche Renzi, come Monti e Letta".

"Vogliamo il voto anticipato" - Le critiche a governo e bonus Irpef ("Gli 80 euro sono la depravazione del voto di scambio") sono quelle risapute, così come l'obiettivo: "Governare". "Con chi andrete governare?", domanda Vespa. "Con gli italiani - è la risposta, anzi la scorciatoia di Grillo -. Non ne facciamo alleanze, devono andare a casa tutti. Questo Paese è stato governato da criminali. Destra e sinistra si sono spartiti il Paese". "Ma non riuscirai mai ad arrivare al 51%", è l'obiezione del conduttore.  "Chissenefrega del 51%, vogliamo andare a votare, c'è già una legge elettorale. Il nostro obiettivo è far andare a casa questo governo, far dimettere il premier. Se prendiamo la maggioranza alle europee, devono andare a casa". "Io non sono Hitler, non sono Stalin. In Europa vanno avanti i fascisti, in Ungheria, in Francia, in Finlandia. Se qui non c'è il fascismo è merito nostro". E poi la provocazione a Vespa: "Il fascismo lo hanno inventato gli italiani. Lo sai no? L'ha inventato tuo papà...". E Bruno la prende sul ridere: la battuta su Vespa figlio segreto di Mussolini è da tempo una leggenda metropolitana del web, e come tale fa parte del patrimonio grillino. 

"Beppe, sei come Alfano" - Capitolo immigrati: "Voglio meno cuore e più intelligenza". "Ma che faresti per non farli annegare?". "Abbiamo i satelliti per vedere quando partono. E poi chi ci guadagna? Chi paga? Due-tremila euro, dove li trovano?", la risposta di Beppe è piuttosto evasiva. "Non è un problema italiano, ma europeo". "Ma la pensi come Alfano, allora...". "Può darsi", è la replica un po' imbarazzata di un Grillo evidentemente in difficoltà sulla questione.

Il politometro - "Il 25 maggio è un voto politico. O noi o loro - prosegue Grillo -. E prima di mandarli a casa, gli controlleremo i soldi. Loro ci mettono il redditometro e noi abbiamo il politometro. Ce l'abbiamo già pronto, incroceremo dieci dati... E verificheremo cosa si sono tenuti in tasca, come hanno speso i nostri soldi...".

"Expo da chiudere, è una rapina" - "Tu pensi di migliorare la situazione con la decrescita felice?". "Io non ho mai parlato di decrescita, anche se su molte cose è giusta. Io sono per la sostenibilità, basta costruire 10 milioni di macchine che non venderanno mai solo per far lavorare la gente...". "Ma a Parma vi siete battuti contro l'inceneritore...". "Sono progetti che non stanno in piedi economicamente. Io voglio che coi miei soldi finanzino il riuso e il riciclaggio". "L'Expo lo vuoi chiudere?". "E' una rapina, non c'è niente, solo cemento, raccordi e tangenziali da 15 corsie da Monza a Milano. Sono solo speculazioni edilizie, tutti collusi con la mafia". "Ma dai, tutte le imprese?". "Quasi tutte", corregge il tiro Grillo. "Le Coop rosse colluse con la mafia?", incalza Vespa. "Ma cos'è oggi la mafia - è la replica di Grillo -? Oggi in un'associazione a delinquere c'è un dottore, un commercialista, un avvocato, un notaio. A volte non c'è più il delinquente...". "Ma tu vuoi veramente un paese moderno con queste idee? Dove ci vuoi portare, sugli alberi?". "E ai 150 paesi che hanno già lo stand?". "E' una rapina", è la replica di un sempre più ripetitivo Beppe. Che poi spara: "Perché gli stranieri dovrebbero venire a Rho? E' un campo vuoto. Dovevamo portarli in giro per l'Italia, dove fanno il formaggio, l'olio...". "Eh, ma questo può succedere - nota Vespa -. A Dubai ci sono già i manifesti Expo 2020. Sono tutti pazzi?".

"Vince" Vespa, a Grillo i voti - Grillo non può rispondere. E alla fine, dopo un'ora scarsa d'intervista, il congedo è bellicoso: "Vi do appuntamento il 23 in piazza San Giovanni: lì vedremo se perdiamo le elezioni, vieni a fare un bagno di umiltà, vediamo come ti accolgono", è la sfida finale a un divertito Vespa. L'impressione è che nella sostanza il leader del Movimento 5 Stelle abbia fatto una figura non esaltante, con tutto il suo carico di contraddizioni e balbettii. I più clamorosi sull'euro e la strategia da tenere. Quando ribadisce di voler indire un referendum, Vespa ci mette un secondo a far crollare il castello di carte: "Non puoi continuare a ingannare la gente dicendo che basta un referendum per uscire dall'euro...". Vero, ma a 5 giorni dal voto, di fronte a un elettorato sempre più arrabbiato e deluso, potrebbe essere un dettaglio di poco conto. 


di Claudio Brigliadori

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • chiaramonzali88

    22 Maggio 2014 - 16:04

    Divertente vedere i commenti della gente ... Grillo non fa niente, Grillo parla solo.. Grillo non ha un programma .. 20 anni di Berlusconi, dal 2011 il PD ,e cosa hanno fatto ? La mia provincia è diventata una città fantasma di vetrine chiuse e case all'asta! NON GUARDATE LA TV GUARDATE I FATTI, ITALIANI !!!!!

    Report

    Rispondi

  • pino&pino

    20 Maggio 2014 - 14:02

    ramadan - Hai ragione, almeno Berlusconi ci aveva parlato del ponte sullo stretto. Certo si era dimenticato che tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare.....

    Report

    Rispondi

  • ramadan

    20 Maggio 2014 - 12:12

    però grillo non ha spiegato un bel niente ha continuato a sproloquiare a parlare, parlare ma senza dire nulla di concreto .come farà a fare quello che dice di voler fare; con chi lo farà ? come lo farà ? come si fa a votare un elemento del genere buono solo a criticare ma non a fare proposte serie. qualcuno dei suoi sostenitori mi può dare risposte serie al riguardo ?

    Report

    Rispondi

  • tdg43

    20 Maggio 2014 - 12:12

    Votare 5 Stelle ? Grillo non ha detto niente, solo battute e frasi senza senso! Quello che illustra come "programma politico" tutto è tranne quello. Il M5S, ovvero Grillo, non fa neanche ridere: sono solo ... stronzate.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog