Cerca

Il decalogo

Monti ripudia la Fornero: niente trucco e gioielli nel manuale del perfetto candidato

Sobrietà, rigore, cortesia: le regole del Prof per i neo-saliti in politica

Monti ripudia la Fornero: niente trucco e gioielli nel manuale del perfetto candidato

Poco trucco, niente gioielli e colori sgargianti, rigore nelle spese, savoir faire con i giornalisti. Dopo l'agenda, Monti detta il manuale di comportamento e invita i suoi candidati alla sobrietà in tutti i campi. 

Bon ton - Il manuale, riporta Repubblica, quindici pagine di regole per i neo-saliti in politica, è stato richiesto dai tre candidati lombardi Pietro Ichino, Gabriele Albertini e Mario Mauro. Nell'opuscolo - che è stato molto gradito a livello locale, meno allo staff del premier, si insegna come gestire i finanziamenti dei privati e le spese elettorali per evitare poi scandali ed incidenti, come trattare con i giornalisti: "Essere cortesi con tutti i giornalisti, rispondere a tutti e trattarli tutti allo stesso modo, dalla stampa locale ai grandi network".  

Sobrietà - Ma non solo. Nel manuale si invita poi i candidati a fare attenzione a cosa si dice nei fuorionda - "che poi finiscono su Youtube" -, a non criticare mai il conduttore, e in tv a parlare chiaro ("Bisogna immaginare di parlare ad un ragazzino di dodici anni"). Quindi no inglesismi, numeri, statistiche, concetti difficili. Eppoi, ripudiando la "sua" Elsa Fornero: "no all'eccesso di trucco e gioielli e no all'eccesso di colori negli abiti e negli accessori", non gesticolare, niente tic. Ultima raccomandazione: attivarsi sui social network. Evidentemente dopo lo sbarco su Twitter e Facebook, il Prof ci ha preso gusto.   

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • futuro libero

    20 Gennaio 2013 - 11:11

    monti ci dirà anche come vestirci. Ma questo non succedeva nella vecchia Cina? Siamo davvero messi bene con questi cattocomunisti, qualcuno vorrebbe l'Italia come nella vecchia Russia, altri come nella Corea del Nord e Cuba, qualcuno come la Cina e qualcuno come la Germania. Meno male che abbiamo Silvio che pensa ad una Italia italiana.

    Report

    Rispondi

  • uliclin

    20 Gennaio 2013 - 07:07

    1) non riferire le decisioni prese alle riunioni del gruppo Bilderberg e negarne ogni appartenenza!

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    19 Gennaio 2013 - 16:04

    Boia deh!! ci vuole fegato!!

    Report

    Rispondi

blog