Cerca

La sfilata centrista

Montezemolo: Monti, iniziativa di straordinario coraggio

A Bergamo la kermesse dei centrini. Parla Montezemolo: "Dal Prof un atto di grande coraggio. Se volete mi renderò utile" (ma intanto sta in disparte)

Luca Cordero di Montezemolo

Luca Cordero di Montezemolo

 

La kermesse del montismo ha il suo epicentro nella roccaforte leghista di Bergamo. Nella tensostruttura del polo tecnico dell'industriale Alberto Bombassei, il Professore è arrivato dopo le 15, accolto dagli applausi, insieme alla moglie. In platea il ministro Andrea Riccardi. Il primo a parlare - in attesa della presentazione del piano-lavoro messo a punto dall'ex Pd Pietro Ichino - è stato il "redivivo" Luca Cordero di Montezemolo. E via con gli elogi a Monti e a chi ha deciso di "smettere di stare in tribuna e candidarsi con lui", elogi alla squadra definita "vincente". Per Montezemolo "assistiamo a un'iniziativa di straordinario coraggio, innanzitutto quello di Monti che ha scelto un impegno reale per il bene del Paese. Non potevamo restare in tribuna", ha aggiunto il presidente Ferrari.

Ci ha visto lungo... - Peccato però che in tribuna ci resti proprio Montezemolo. "Ho scelto di non candidarmi - ha ribadito - ma se riterrete che possa essere utile la mia presenza io sarò con voi". Il presidente Ferrari ci ha visto lungo, ed è conscio che nella migliore ipotesi, alle urne, i "centrini" potranno essere "incoronati" con il ruolo di stampella di un governo di sinistra. Meglio una sorta di appoggio "disimpegnato", un appoggio esterno. Certo, gli elogi a Monti non si possono negare. Il Professore - ha proseguito Montezemolo - ha assunto un impegno anche se poteva seguire strade istituzionali forse più facili, certamente meno motivanti, meno appassionanti e meno appassionanti per il futuro del Paese. Non credo all'one man show da molto tempo, credo che i risultati lo abbiano ampiamente dimostrato in politica e non solo. Credo nella squadra", ha assiucrato Montezemolo. In quella squadra di cui, però, fa parte ma solo fino a un certo punto.

Ma quale rinnovamento? - Montezemolo, ne è sicuro, afferma che "questa volta l'Italia ha la possibilità di cambiare pagina". Difficile immaginare come possa farlo con un alleanza i cui pilastri sono Gianfranco Fini e Pier Ferdinando Casini. E contro i due "centrini", il presidente Ferrari sgancia un siluro quando afferma che le responsabilità per la situazione in cui si trova l'Italia "sono di chi ha governato negli ultimi vent'anni". Cioè loro. Luchino indica poi le priorità: "In primis la legge elettorale, perché questa è inaccettabile, e poi la riforma dello Stato. Guidare una macchina così lenta, tanto costosa - ha aggiunto - rischia di non far vincere il campionato nemmeno al proprio pilota".

 

Bergamo, Lombardia, Italia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fulgenzio

    22 Gennaio 2013 - 08:08

    In vita sua ha sempre amato viaggiare "alle alte velocità" ed ora che ha davanti molte curve rischiose, si ferma e scende!

    Report

    Rispondi

  • aresfin

    aresfin

    21 Gennaio 2013 - 16:04

    Ma che tenero questo orsacchiotto Montezemolo ! Non ha ancora capito che in tutta la sua vita è sempre stato molto fortunato, ha sempre ottenuto tutto e non ha mai lavorato, che culo !!!!!! Fategli fare il muratore o il contadino, così non ha il tempo di pensare a tutte le cazzate che gli passano per la mente, e la smette di credere che tutto gli sia dovuto. Ridicolo !!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    21 Gennaio 2013 - 13:01

    Ha idea quali politici facciano parte della sua coalizione o è come in Ferrari che non sa mai cosa sta succedendo?

    Report

    Rispondi

  • allecarlo

    21 Gennaio 2013 - 11:11

    Luca Luca ........sarebbe meglio che pensasse a far vincere la Ferrari. Di coglioni nella squadra Monti sono già al completo!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog