Cerca

Allerta massima in Italia

Allarme terrorismo, Alfano: "Minacce Isis come quelle dell'11 settembre"

Allarme terrorismo, Alfano: "Minacce Isis come quelle dell'11 settembre"

La minaccia jihadista «è seria, non va trascurato alcun segnale di pericolo, nemmeno il più tenue». Il ministro dell'Interno Angelino Alfano non nasconde durante il question time alla Camera tutta la sua preoccupazione dopo il messaggio di Abu Muhammed al Adnani al Shami, portavoce ufficiale dello Stato Islamico. Non ci sono segnalazioni precise sul rischio attentati, ma il paragone fatto da Alfano sulle minacce dell'Isis e quelle di Al Qaeda dell'11 settembre dà l'idea di quanto sia alto il livello di guardia. A maggior ragione che l'Italia sta partecipando alle operazioni contro il califfato in Siria. Per il responsabile del Viminale, «è necessario non trascurare alcun segnale di pericolo, anche il più tenue, mantenendo il costante controllo degli obiettivi maggiormente esposti e rafforzando l’azione di monitoraggio e di intelligence investigativa, specie nei riguardi dei luoghi, sia reali che virtuali, dove possono avvenire forme di incitamento alla violenza, se non proprio di reclutamento di aspiranti jihadisti».

Antiterrorismo - Per questo è convocato in modo permanente il Comitato Analisi Strategica Antiterrorismo, tavolo di alto coordinamento in cui interagiscono rappresentanti delle Forze di polizia e degli Organismi informativi. Ma non solo. Il ministro dell'Interno ha annunciato massima attenzione «all’adeguamento degli strumenti normativi rispetto all’evoluzione della minaccia terroristica. L’introduzione di norme penali e di prevenzione potrà aiutarci a neutralizzare meglio l’insidia rappresentata dall’improvvisa attivazione di cellule solitarie, intenzionate a colpire nel cuore dell’Occidente».

Espulsioni - Alfano ha annunciato inoltre che si stanno perfezionando, «in stretta concertazione con il Ministero della giustizia, disposizioni in grado di mettere i foreign fighters in condizione di non poter nuocere e, una volta intercettati, anche di allontanarli dal territorio nazionale, ampliando le possibilità di espulsione. Di fronte ad una minaccia globale -ha proseguito - non può che essere altrettanto globale la risposta».
La cooperazione internazionale, giudiziaria e di polizia, «resta, dunque, un indispensabile fattore strategico che andrà potenziato con l’intensificazione degli scambi informativi e delle migliori prassi investigative. In ambito europeo, inoltre, è andata avanti la nostra proposta di costituire una squadra multidisciplinare, mirata specialmente al monitoraggio dei combattenti stranieri». «Naturalmente, la presidenza italiana rappresenta, in questo momento, lo scenario di maggiore rilievo sul quale potranno trovare seguito le iniziative di rafforzamento delle attività di collaborazione di polizia e di monitoraggio degli spostamenti in tutta l’Unione europea».

Banca dati passeggeri - Alfano ha poi sottolineato che verrà «dato incremento al progetto di realizzare e disciplinare in modo uniforme l’uso di una banca dati, basata sul codice di prenotazione dei passeggeri (PNR, Passenger Name Record), che metta a disposizione delle polizie le liste dei passeggeri dei voli in transito nell’area Schengen o in arrivo dai paesi terzi». «Nel ribadire la serietà della minaccia jihadista», ricorda però «che le risultanze investigative non evidenziano al momento l’esistenza di specifiche progettualità ostili volte a colpire obiettivi collocati nel territorio nazionale o interessi del nostro Paese all’estero».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    01 Dicembre 2014 - 16:04

    Lazzarone e zozzo allo stato pure dell'arte.Ci stia facendo invadere e poi ci vieni a dire che in Italia ci sarà un altro 11 settembre?Ma VFC il primo responsabile sei TU.Se dovesse succedere mi auguro che ti appendano al primo lampione che capita.

    Report

    Rispondi

  • robby777

    26 Settembre 2014 - 12:12

    E tu idiota allo stato puro continua a fare entrare sta feccia e a dargli i nostri soldi invece che pensare agli italiani che di quei soldi ne hanno più bisogno. Carrette del mare che si avvicinano? Siluri pronti. Fuori una, due, alla terza vedi che tornano da dove sono venuti. Invece no... poveriniiiii andiamo a prenderli per mano. E al loro paese aiutiamoli... tre o quattro bombettine atomiche!

    Report

    Rispondi

  • jahier riccardo

    26 Settembre 2014 - 08:08

    Ora che più di centomila portati in casa se ne accorge del pericolo ,,,,,,VERGOGNATI

    Report

    Rispondi

  • arwen

    25 Settembre 2014 - 15:03

    Ma ci è o ci fa? Prima permette a oltre 100000 stranieri, per lo più privi di documenti, di entrare impunemente nel nostro paese, e poi se ne va in giro a fare la cassandra? Ripeto, ma ci è o ci fa?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog