Cerca

Scintille

Berlusconi-Renzi, è scontro sulle tasse

Berlusconi-Renzi, è scontro sulle tasse

"Non si vota fino al 2018". Matteo Renzi in un'intervista ad Oggi segna l'orizzonte della sua esperienza da premier: "Ci siamo dati come governo un orizzonte di mille giorni - spiega il premier - per dire che le riforme di cui abbiamo bisogno sono profonde e coraggiose e non per guadagnare tempo. Ma i cambiamenti che abbiamo messo in campo e che stiamo realizzando, dal lavoro alla giustizia, dall’economia, con la più straordinaria riduzione di tasse della storia, al ridisegno delle nostre istituzioni, cominceranno presto a dispiegare i loro effetti".

"Corsa sulla Germania" - Poi Renzi parla di Europa: "La nostra corsa la dobbiamo fare sulla Germania, sul gruppo di testa, e non sul fanalino di coda. Vedo un futuro all’altezza della nostra ambizione". Il premier poi, parlando delle occupazioni della fabbriche paventate dai sindacati, replica: "Vogliamo tenere aperte le fabbriche e non occuparle, perché l’occupazione di cui hanno bisogno i nostri lavoratori non è quella che minaccia il sindacato". 

La risposta del Cav - Ma sempre al settimanale Oggi parla l’ex premier, Silvio Berlusconi, che attacca il governo Renzi sulla questione delle tasse. "La prima cosa da fare? - spiega il leader di Forza Italia - Quella della equazione liberale per la crescita: meno tasse sulle famiglie, meno tasse sulle imprese, meno tasse sul lavoro. Uguale a: più consumi, più produzione, più posti di lavoro. Naturalmente, perché tutto questo funzioni, occorre che il calo delle tasse sia reale". Berlusconi poi aggiunge: "Se lo Stato riduce una tassa, come sta facendo oggi questo Governo, ma invece di risparmiare toglie fondi alle Regioni che, per far funzionare la sanità, sono costrette ad aumentare le tasse regionali, allora si prendono in giro gli italiani". E poi ancora: "La sinistra, anche quella moderata, ha le tasse nel suo Dna. Per questo sono preoccupato: senza un netto cambio di mentalità, quello che la sinistra sembra non gradire, temo proprio che non ce la faremo".

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruggero

    29 Ottobre 2014 - 13:01

    Lui lo sa bene, ci ha preso in giro per 20 anni, come del resto TUTTI gli altri !!??

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    28 Ottobre 2014 - 19:07

    Ma quale scontro? A parole lo attacca, poi lo sostiene su tutte le cose importanti. Ma lo avete capito o no che il dittatore fiorentino sta tenendo Silvio per le palle e non lo molla? Finchè a capo del Centro-Destra ci sarà uno compromesso come Berlusconi, i compagni ci passeggeranno sulla testa e nessuno si potrà opporre. Rileggetevi l'intervista di Perna alla Santanchè...

    Report

    Rispondi

  • alkhuwarizmi

    28 Ottobre 2014 - 18:06

    Berlusconi continua a fare la cosa peggiore per il suo Paese, oltre che per la destra che ha la presunzione di rappresentare: da un lato critica le manovre del Governo di Renzi-superstar mentre insiste a mantere un sostanziale appoggio allo stesso attraverso i fumosi patti cosiddetti "del Nazareno" nell'illusione di potere ancora avere un ruolo, ove Renzi è molto più furbo e fa ciò che vuole.

    Report

    Rispondi

    • bruscoloni

      bruscoloni

      28 Ottobre 2014 - 19:07

      Il pregiudicato seguita a fare quello che ha sempre fatto e che anche lei ha entusiasticamente appoggiato.

      Report

      Rispondi

  • tingen

    28 Ottobre 2014 - 18:06

    Berlusconi ha iniziato a fare opposizione come giustamente chiedeva qualcuno in Forza Italia, però agli elettori di centrodestra è grande il danno fatto da Berlusconi e dal suo cerchio magico.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog