Cerca

Protesta a Verona

Renzi contestato , imbarazzo al Vinitaly. Ecco che cosa gli hanno gridato contro

Renzi contestato , imbarazzo al Vinitaly.  Ecco che cosa gli hanno gridato contro

Fischi e grida - "Verdini, Verdini, Verdini" - hanno accolto il presidente del Consiglio Matteo Renzi al Vinitaly, la fiera del vino in corso a Verona. Oltre a molte strette di mano, il premier è stato anche protagonista di una contestazione da parte di alcune decine di giovani visitatori (non espositori). "Non si può far polemica su tutto", ha quindi detto Renzi: "C'è una piccola Italia che urla e contesta sempre e una grande Italia, con diverse opinioni politiche, che vuole rimettersi in moto". E ancora: "Chi vuole urlare urli, noi stiamo dalla parte di chi produce e vuole lavorare, oggi e sempre".

Durante la sua visita il presidente del Consiglio ha esortato gli imprenditori, ma più in generale gli italiani tutti a uscire "dal piagnisteo costante. Il mondo vuole bene all'Italia. Sapete qual è il Paese che parla peggio di noi? Noi". Dobbiamo invece prendere l'esempio dai francesi che "vanno all'estero e hanno la grandeur". Insomma, "ci vuole anche un po' di voglia di metterci in gioco. Nei prossimi cinque anni la percentuale di e-commerce nelle vostre aziende cambierà in modo straordinario", dice agli imprenditori presenti. "Dobbiamo darci una rinfrescata. La Francia ha un vantaggio ventennale. Il nostro obiettivo è fare meglio".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aifide

    12 Aprile 2016 - 12:12

    Gli è andata bene. La prossima volta sarà molto peggio!

    Report

    Rispondi

  • Oscar1954

    12 Aprile 2016 - 10:10

    Si, però i francesi non hanno i politici così ladri e farabutti come quelli Italiani.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    12 Aprile 2016 - 08:08

    Come mai, oggi non ha fatto nulla di epocale? I contestatori fanno ridere. Non erano così timidi quando regnava il dittatore di Arcore. allora minacciavano, gridavano, ringhiavano....Oggi sembrano tutti una manica di pecorelle. E mentre Matteo fa strame della Costituzione, a suo uso, mentre le emergenze rimangono tali, mentre l'economia non decolla e l'occupazione cala, i sinistri tacciono!

    Report

    Rispondi

  • cane sciolto

    12 Aprile 2016 - 00:12

    Sto sxxxo pare che è merito suo il buon andamento della crescita dell'esportazione del buon vino Italiano! il merito e solo dei proprietari delle aziende vinicole, ma soprattutto dei lavoratori agricoli che ci hanno lavorato sodo e con tanta passione, arriva magari un pirla qualsiasi e si vorrebbe prendere meriti che non gli competono!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog