Cerca

Scandali a Palazzo

Segretarie da 12mila € al mese:
l'altra Casta senza vergogna

Uscieri, barbieri, commessi, assistenti assunti da Senato e Parlamento ci costano mezzo miliardo l'anno. E c'è pure chi guadagna più di Napolitano

Commessi della Camera

Commessi della Camera

Oltre diecimila euro al mese: 10.477 per la precisione. Centocinquantasettemila e cinquecento (157.500) all'anno. Non stiamo parlando dello stipendio di un manager di una grande azienda, ma di un usciere del Parlamento. Ma non è il solo. Tra commessi, stenografi, segretarie, assistenti, barbieri sono 1.540 i superpagati dipendenti pubblici che nulla hanno a che invidiare alla "casta". Un esercito di fortunati che in tempi di crisi e di ristrettezze economiche costano alla collettività qualcosa come mezzo miliardo di euro l'anno. E' tutto scritto nero su bianco su un documento riservato del Senato che ha tirato fuori Marzia Maglio di Ballarò e dimostra che chi ha la fortuna di essere assunto a Palazzo Madama o a Montecitorio di certo non ha problemi ad arrivare a fine mese. Leggendo la tabella si viene a scoprire che c'è addirittura qualche dirigente che guadagna più di Giorgio Napolitano: quello che prende di meno si porta a casa 67 mila euro l'anno, quello che prende di più, il segretario generale di Montecitorio, invece arriva a 406.399 euro l'anno. Con una liquidazione, è il caso di Antonio Malaschini che aveva questo incarico al Senato, di un milione e 200 mila euro e una pensione di 520 mila euro l'anno. Ovviamente Malaschini è al vertice della piramide degli stipendi d'oro, ma anche gli altri dipendenti del Parlamento non scherzano. Le segretarie, quelle che fanno le fotocopie e mandano le lettere per la convocazione delle Commissioni, vengono pagate 12.627 euro al mese (appena assunte lo stipendio è di 3.048 euro che si rivaluta di anno in anno fino a raggiungere la cifra da capogiro). Se poi si stancano di lavorare non c'è problema. Loro, come tutti gli assunti del Parlamento, possono decidere di andare in pensione a 51 anni. Certo, c'è una penalizzazione. Ma stiamo parlando dell'1%, massimo 4,5% in meno sull'ultimo stipendio. Alla faccia nostra.

Nop

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • jborroni

    20 Marzo 2014 - 16:04

    l'unico posto al mondo dove esistono ancora gli stenografi , sessanta se non ricordo male, con stipend che un neurochirurgo se li sogna. Ma non lo sanno che hanno inventato I registratori? basta schiacciare un bottone e sti deficenti che schiacciano I tasti come I pianisti potrebbero andare a pulire I cessi!!

    Report

    Rispondi

  • jborroni

    20 Marzo 2014 - 15:03

    sono anni che lo SCANDALO/FURTO/VERGOGNA delle prebende dei dipendenti Camera, Senato e Quirinale viene denunciato regolarmente e niente viene fatto, E' una voragine di soldi che viene ELARGITA a gente senza merito (SPESSO) e sicuramente con AGGANCI. Perche' li' ci entra solo chi ha l'appoggio!! MA I FORCONI SI SONO GIA' SPUNTATI???

    Report

    Rispondi

  • encol

    20 Marzo 2014 - 15:03

    Ma questa non è "CASTA SENZA VERGOGNA" sono molto più semplicemente una banda di delinquenti-

    Report

    Rispondi

  • pappap

    14 Settembre 2013 - 22:10

    Tu dici di lavorare lì e che hai ricevuto 36.000 euro. Ma chi è quella b..... che ti ha assunto? Sei per caso andato a scuola da Di Pietro? Impara a coniugare i verbi, somaro! Tu sei l'esempio culturale delle persone che "lavorano lì"? Garantito, non ci salveremo mai più!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog