Cerca

Teletribuni e parlamento

Un incubo per la politica:
Santoro scende in campo?
Già depositato il simbolo

Gli uomini di "Servizio Pubblico" vanno dal notaio e registrano il "Partito Liquido" (il logo ricorda l'epoca fascista). Punta alle prossime elezioni?

Michele Santoro

Michele Santoro

 

di Fosca Bincher

Il deposito è avvenuto a sorpresa a una manciata di ore dalle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio. Il 21 febbraio scorso al ministero dello Sviluppo economico, ufficio italiano brevetti e marchi, è stato depositato il simbolo di un nuovo partito politico. Il nome è «Partito liquido», e come descrive la scheda del ministero «il marchio è composto da un cerchio contenente quattro triangoli che descrivono delle frecce poste in direzioni opposte. Sotto il cerchio è presente la scritta partito liquido basata sul font Mostra Three». A guardarlo sembra un simbolo dell’epoca fascista, e invece è il nuovo partito registrato da Michele Santoro e della sua compagnia che produce e realizza per La7 la trasmissione Servizio Pubblico. Lo stile di Partito pubblico e il design del marchio è davvero tipico dell’Italia fascista. Il font utilizzato in realtà è stato inventato a Minneapolis nel 2001 dal disegner americano Mark Simonson, che espressamente lo ha mutuato «dall’Art decò italiana», che era appunto lo stile tipico usato dal fascismo nelle grandi opere architettoniche degli anni ’30 in Italia e nelle colonie africane. 

Il nuovo partito è stato formalmente registrato dalla Zerostudio’s srl di Roma, che è proprio la società fondata per produrre la trasmissione tv Servizio Pubblico quando Santoro lasciò la Rai. All’inizio gli azionisti erano solo il conduttore tv e la consorte, Sanja Podgayski. Poi mano mano sono entrati altri soci, con numerosi ribaltamenti di azionariato. Fra i primi ci fu l’imprenditore televisivo e produttore Sandro Parenzo, che proprio negli ultimi giorni è uscito separando le strade. Oggi Santoro e la moglie controllano con quote paritarie il 50,26% della società, un altro 24,87% è posseduto dalla Associazione servizio pubblico (i sottoscrittori volontari che permisero a Santoro di andare in onda l’anno scorso), il 22,61% è posseduto dalla Editoriale Il Fatto spa che pubblica il quotidiano diretto da Antonio Padellaro e Marco Travaglio e l’ultimo 2,26% è di Maria Fibbi, una professoressa esperta di scrittura creativa che investì 45 mila euro nella nuova avventura televisiva del suo conduttore preferito. 

L’idea del partito liquido fu per altro annunciata dallo stesso Santoro in apertura dell’ultima stagione televisiva di Servizio Pubblico. Sembrò però una boutade anche per fare pubblicità al lancio su La7: il riferimento era alla piattaforma dei pirati tedeschi e lo strumento di una qualche utilità per il programma. Ma del partito nelle settimane successive non si parlò più. Ora il deposito ufficiale del marchio lascia immaginare che Santoro - da sempre attratto dalle sirene della politica - voglia fare sul serio. Forse puntando sulla fine anticipata di questa legislatura o sulle amministrative che non mancano mai in Italia.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • europol

    15 Aprile 2013 - 13:01

    sono convinto che se questo tizio scende in politica,sia un bene per gli Italiani e principalmente per l'informazione televisiva;come si dice con un solo colpo facciamo due centri, PRIMO:non credo che gli Italiani seri e di buon senso possano mai votare questo pseudogiornalista da quattrosoldi; SECONDO: si libera finalmente l'informazione pubblica e privata di uno dei peggiori teletribuni del giornalismo spazzatura esistente attualmente sulle nostre reti televisive puibbliche e private. P.S. in nefandezze e stronzate dette lo supera solo il suo compare travaglio.

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    15 Aprile 2013 - 12:12

    andrà a casa anche lui. Tutti ambiscono al potere! Manca solo il partito dei portinai in Italia poi abbiamo fatto tombola.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    15 Aprile 2013 - 11:11

    Ancora? Cos'è i soldini dei contratti pubblicitari non gli bastano più? Vuole partecipare anche lui alla mungitura della nazione? Beh, allora si deve sbirgare, perchè tra breve non ci sarà più niente da succhiare!

    Report

    Rispondi

  • Romano_1939

    15 Aprile 2013 - 08:08

    INCOMINCEREI CON:ah ah ah ah ah ah ah Santoro ha fatto un nuovo partito - e come si chiama ? partito liquido quindi un partito già perdente inquanto è già squagliato Quanto sono forti questi komunisti !!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog