Cerca

Stangata e autogol

Iva, l'aumento ci sarà.
E' un governo di fessi:
perderemo altri miliardi

Già con lo scatto del 2011 le casse dello Stato hanno incassato di meno: l'errore verrà ripetuto. E ci bastoneranno anche con la "service tax"

Enrico Letta

Enrico Letta

Niente ossigeno per i contribuenti italiani. La firme in calce alla cattiva notizia, di fatto, l'ha apposta il ministro dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato, all'assemblea di Confcommercio di mercoledì: "Nessuna promessa sull'Iva". Che tradotto dal politichese, anche se traduzione non serve, significa che l'imposta aumenterà. L'appuntamento con la stangata è tra poco più di un mese. Per inciso, l'annuncio di Zanonato è stato accolto da una selva di fischi. Pd e Pdl, da par loro, continuano a spronare l'esecutivo: "Trovate le coperture e scongiurate l'auemento". L'appello, però, è destinato a cadere nel vuoto.

Service tax - E a tassa si aggiunge tassa. L'ulteriore brutta sorpresa è nascosta nel cosiddetto "decreto del fare" (il copyright è del premier Enrico Letta), dove l'unica novità è un'ulteriore gabella. Nel testo a costo zero che sta prendendo forma e che potrebbe essere esaminato già nel fine settimana potrebbe far capolino la service tax, una gabella che fonde Imu e Tares in un nuovo "mostro". Il rischio per i contribuenti è che il conto complessivo non diminuisca rispetto alle due tasse separate, ma anzi aumenti. L'imposta su case e servizi su cui ragiona l'esecutivo, infatti, potrà essere rimodulata nella sua proigressività cercando di alleggerire il peso sulle fasce deboli, ma dovrebbe portare nelle casse dello Stato lo stesso gettito di Imu e Tares scorporate. Complessivamente, la nuova tassa potrebbe tradursi in una devastante mazzata da circa 32 miliardi.

Aumento Iva - Ma torniamo al punto di partenza, all'aumento dell'Iva che non è più uno spettro ma una certezza quasi ineluttabile. Il governo Letta dimostra di non aver imparato la lezione. Il primo aumento dell'Imposta sul valore aggiunto risale all'estate del 2011, quando l'esecutivo la porto dal 20 al 21 per cento. Il risultato? Negativo. Per la Ragioneria generale dello Stato la mossa avrebbe dovuto far crescere gli incassi di 4 miliardi di euro, ma invece gli incassi sono scesi da 100 miliardi e 387 milioni a 99 miliardi e 337 milioni. Per inciso, nei soli tre mesi iniziali del 2013 gli incassi dell'Iva sugli scambi interni sono scesi di ulteriori 882 milioni rispetto al primo trimestre dell'anno precedente. L'esecutivo, però, non guarda questi dati. Aumenterà l'Iva, condirà la gabella con la stangata della service tax e condannerà il Paese a un'ulteriore contrazione dei consumi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vsmvsd

    18 Settembre 2013 - 12:12

    Con questo i nostri governanti si confermano zerbini della Ue (leggasi Germania). Dovremo fare come i nostri nonni e cominciare la resistenza sulle montagne contro queste nuove forme di nazismo .

    Report

    Rispondi

  • colombinitullo

    14 Giugno 2013 - 09:09

    Fai cadere questo governo, ne abbiamo le palle piene di tasse,neri,cretini e quant'altro;va a finire a botte e quando ci si picchia non si sa mai qual'è il finale!Attenti alla reincarnazione di Adolf i corsi e ricorsi storici del buon Vico dovrebbero avere pur insegnato qualcosa.

    Report

    Rispondi

  • fulgenzio

    14 Giugno 2013 - 08:08

    Un imbecille in economia è stato bocciato ed è tornato tra i banchi, ma vedo che ora ne abbiamo uno ancora peggio! Dice di dover applicare ciò che è stato già deciso senza metterci qualcosa di suo: qualcosa di intelligente e coraggioso. Vorrà dire, come ho già fatto in precedenza per rispondere all'aumento demenziale delle tasse, consumerò un 1 o 2 % in meno. Ci sarà un bel risultato nelle casse dello Stato! Bravo! Abbiamo un altro genio che è messo là per dirci solo che non ci sono soldi! Un "placebo" di Ministro. Ma Letta ed il Nonno non intervengono su queste porcate?????

    Report

    Rispondi

  • demetrio45

    14 Giugno 2013 - 05:05

    questo ti fa capire perchè tutti vogliono salire in politica: basta non fare niente. una classe politica inetta con il solo pensiero dei fatti loro. nessuno ha il CORAGGIO di affrontare le cose. altro che i "democratici" hanno paura di un uomo solo al comando. ci vorrebbero i talebani al comando.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog