Cerca

Paladina dei clandestini

Ius soli, la Kyenge rilancia:
cittadinanza ai figli minori
se genitori in Italia da 5 anni

Ius soli, la Kyenge rilancia:
cittadinanza ai figli minori
se genitori in Italia da 5 anni

Uno "ius soli temperato" per i figli degli immigrati nati in Italia. Cosi' il Ministro per l'integrazione Cecile Kyenge intervenuta a Radio24 a "24 Mattino" rilancia a proposito della questione sulla cittadinanza. Uno ius soli basato sul numero degli anni in cui i genitori si trovano in territorio italiano. E a questo proposito, il Ministro ha ricordato che "ci sono venti proposte diverse in Parlamento. La mia prevede cinque anni di residenza. Come ministro - ha detto ancora - ho posto un problema non per imporre un modello ma con l'obiettivo di suscitare un dibattito nel Paese per adattare la normativa alla realta' italiana di oggi. La mia proposta di legge da deputata era quella dello ius soli temperato che e' l'unica forma presente in Ue".  Riferendosi poi alla definizione "migranti o immigrati clandestini", il ministro ha detto che "deve cambiare la politica dell'immigrazione" ed anche la "terminologia". Bisogna capire in sostanza, "cosa e' il fenomeno migratorio, il perche' le persone si spostano dai loro paesi. Gia' questo potrebbe essere una rivoluzione, capirne le motivazioni". Rispondendo ad una domanda sul fatto di ritenere se il reato di clandestinita' debba essere abolito, il ministro ha detto che "se un immigrato arriva in Italia, che sia immigrato o clandestino lo si accerta dopo, non a priori" e che "sul reato di clandestinita' si pone una riflessione che tiene conto dei costi/benefici per il Paese. E' una valutazione indipendente dalle ideologie". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wainer

    13 Luglio 2013 - 21:09

    Non diventate italiani, poi dovrete pagare le tasse, l’affitto e le spese condominiali, entrare (da italiani) in graduatoria per le case popolari, pagare le cure mediche, assicurazione e bollo auto, sborsare soldi per le mense scolastiche, rispondere a chi amministra la giustizia “da italiani”… e infine votare per scegliere dei politici di merd… italiani (almeno ancora per un po’). W.

    Report

    Rispondi

  • wainer

    13 Luglio 2013 - 21:09

    Non diventate italiani, poi dovrete pagare le tasse, l’affitto e le spese condominiali, entrare (da italiani) in graduatoria per le case popolari, pagare le cure mediche, assicurazione e bollo auto, sborsare soldi per le mense scolastiche, rispondere a chi amministra la giustizia “da italiani”… e infine votare per scegliere dei politici di merd… italiani (almeno ancora per un po’). W.

    Report

    Rispondi

  • mambrax

    13 Luglio 2013 - 17:05

    obiettivamente è vero che, immigrati o clandestini che siano, portano ricchezza. almeno ad alcuni: vedi Boldrini, onlus varie e questa caricatura di ministra (che, dopo una vita, manco parla bene l'italiano: bella integrazione!). grazie anche al porcellum, comunque, che ci impone 'sta gente dall'alto.

    Report

    Rispondi

  • Joannes

    13 Luglio 2013 - 14:02

    La cittadinanza italiana e' degli italiani. Avete mai visto un italiano nero? Gli stranieri sono sempre stranieri e I figli degli stranieri lo stesso.Bisogna togliere la cittadinanza agli stranieri e dare loro solo il permesso di lavoro,come fanno gli Svizzeri Per la cittadinanza gli stranieri devono studiare sodo: La storia,i costumi,la lingua,altro che darla a "cani e porci". E pensare che c'e' gente che non solo ha la cittadinanza senza sapere l'italiano,ma ha anche la patente comperata naturalmente!La Congolese deve essere espulsa perche' non italiana e agisce contro gli italiani.Facciamo cadere il governo altrimenti ci troviamo un sacco di congolesi con la carta di identita' italiana,senza sapere neanche la lingua!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog