Cerca

La polemica

Napolitano a Grasso e Boldrini: "Ridicolo censurare il mio nome in Parlamento"

"L'innominabile" Re Giorgio mette in riga i presidenti di Camera e Senato: "Non è giusto fa ritenere che il Capo dello Stato non aspiri ad essere nominato in Aula"

Napolitano a Grasso e Boldrini: "Ridicolo censurare il mio nome in Parlamento"

Dopo le polemiche degli scorsi giorni per le censure in aula al Senato e alla Camera sui riferimenti al "Capo dello Stato" o a "Giorgio Napolitano", arriva la risposta secca del Colle ai presidenti Grasso e Boldrini. Secondo quanto riportano tutte le agenzie di stampa fonti vicine al Qurinale hanno affermato: "Ai presidenti delle Camere spetta di garantire, nel dibattito parlamentare, il rispetto di regole di correttezza istituzionale e di moderazione del linguaggio".

Il Colle punge Grasso e Boldrini - Poi arriva la stoccata per Grasso e Boldrini: "Semplicemente ridicolo e' invece il tentativo di far ritenere che il presidente della Repubblica aspiri a non essere nominato o citato in modo appropriato nelle corso delle discussioni in Parlamento", proseguono le fonti del Quirinale. Insomma a quanto pare Re Giorgio non ha preso bene la censura sul suo nome in Parlamento. La presa di posizione di Grasso e Boldrini che avevano bacchettato e tappato la bocca a Nicola Morra, capogruppo del M5S a palazzo Madama e al deputato grillino Coletti, ha fatto discutere.

I precedenti - Pietro Grasso qualche settimana fa durante il voto sulla sfiducia al ministro degli interni Angelino Alfano aveva fatto scoppiare il caos. "Non sono ammessi riferimenti al Capo dello Stato", aveva affermato il presidente del Senato, stoppando il capogruppo del Movimento 5 Stelle, Nicola Morra. Poi è toccato ad Andrea Colletti. "L'attuale presidente della Repubblica - aveva detto in aula - che in realtà funge anche da presidente del consiglio e capo indiscusso di Pd e Pdl (...) dovrebbe capire che non siamo un monarchia con a capo re Giorgio I". Parole che hanno scatenato l'ira della Boldrini: "Lei sa che non può parlare così del presidente della Repubblica, lei lo sa questo". "Allora non lo chiamerò. Lo chiamerò 'l'innominabile'", ha risposto Coletti. Ora è arrivato il Colle a sistemare la faccenda. E forse Grasso e Boldrini dopo la crociata pro Giorgio dovranno ammettere di aver sbagliato. 

di Ignazio Stagno

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ohmohm

    ohmohm

    29 Luglio 2013 - 09:09

    le faccio i miei complimenti! Ha saputo rispondere in maniera diretta e corretta come pochi avrebbero fatto! Da qui si vede come la vecchia politica è veramente POLITICA!

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    28 Luglio 2013 - 21:09

    L'"homme qui rit" e la "femme que ne rit jamais" sono stati presi in contropiede da Napolitano, che, pur non godendo delle mie simpatie, si palesa come politico d'altra generazione e d'altro stampo. Grasso forse cancellerà l'ebete sempiterno sorriso? E la Boldrini spianerà finalmente il cipiglio da generale in guerra che sfodera abitualmente?

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    28 Luglio 2013 - 17:05

    Complimenti a Boldrini e Grasso, sembrate due manichini del parlamento in cui sono stati caricati dei nastri di comportamento registrati. Sembrate le comiche e neanche non sapete comportarvi in quegli ambienti che vi hanno messo e che voi da "servitori" fedelissimi avete accettato. Fate solo che gaf. Deludente per un paese.

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    28 Luglio 2013 - 17:05

    Questi due hanno una lingua da leccate galattiche, ovvero: sono i presidenti più ruffiani che abbia mai avuto il parlamento. Dove sta scritto che non si può nominare il presidente della repubblica ? Bene ha fatto il Napolitano a ricordarglielo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog