Cerca

Il rifiuto

Il ministro Kyenge risponde a Maroni: "Non vengo alla festa della Lega"

Cécile Kyenge

Cécile Kyenge

Il ministro dell'integrazione Cecile Kyenge non andrà alla festa della Lega Nord a Milano Marittima. "Nei giorni scorsi - ricorda il portavoce della Kyenge - il ministro aveva chiesto al segretario nazionale della Lega Nord Roberto Maroni un suo intervento, chiaro e pubblico per stigmatizzare i molti, troppi attacchi rivolti contro di lei da esponenti di quel partito; non essendo pervenuto il suddetto intervento, la stessa ha deciso di declinare l'invito". 

I dubbi - La  proprosta di Bobo ha fatto discutere i leghisti. Dopo le polemiche per le parole di Roberto Calderoli che aveva paragonato il ministro ad "un orango", dopo "l'invito allo stupro" lanciato dalla consigliera leghista Valandro, la Lega ha cercato di ricucire i rapporti con la Kyenge. Dopo il rifiuto del ministro di presenziare alla festa di Milano Marittima, i rapporti tra la Lega e la Kyenge restano dunque tesi. La visita della Kyenge a Cantù negli scorsi giorni ha fatto lievitare il livello dello scontro. I consiglieri leghisti hanno evitato di incontrare la Kyenge e il ministro aveva chiesto direttamente a Maroni un intervento per redarguire i suoi.

Rifiuto pericoloso -  Il segretario della Lega ha così deciso di invitarla alla festta di Cervia. Ma la linea di Maroni non ha convinto Umberto Bossi che conversando coi giornalisti in Transatlantico, si è detto contrario all’avvio di un dialogo con la Kyenge: "Non si dialoga con chi vuole distruggere la Bossi-Fini, che è l’ultimo baluardo rimasto contro l'immigrazione clandestina". Probabilmente a innescare il rifiuto della Kyenge è stato anche l'attacco ricevuto ieri, giovedì 31 luglio, da un altro leghista d.o.c. come Roberto Castelli, che ha affermato: "La Lega si fa del male. Parlare della Kyenge non aiuta il Carroccio, lei è una nullità politica". Insomma ora il rifiuto per la festa di Milano Marittima ribalterà le polemiche. Il gesto della Kyenge è forte e rischia di inasprire ancora di più i toni. Forse una visita in casa del Carroccio avrebbe spento le polemiche. E dalla Lega arrivano le prime reazioni: "Molto delusi"dalla decisione del ministro Kyenge. Decisione che "non fa onore a chi dice di volere un cambiamento" ha detto Gianluca Pini, vice capogruppo del partito alla Camera. A quanto pare il ministro ha fatto suo il parere di Flavio Tosi: "Gli insulti e le polemiche rafforzano il ministro, ne fanno un martire politico".

No al velo per le suore
- Intanto la tabella programmatica della Kynege non si ferma. L'ultima provocazione, che ha fatto infuriare proprio il Carroccio, riguarda il velo delle suore. Durante un dibattito con Attilio Fontana, primo cittadino di Varese e presidente di Anci Lombardia, alla festa del Pd a Cantù, il ministro ha detto: "Il fatto che la legge obblighi a far vedere il viso deve valere per tutte le donne, comprese anche le suore, perché non insistiamo su questo aspetto?". Una proposta quella della Kyenge che è stata subito bocciata dal Carroccio. "Quella del ministro è una frase senza senso che dimostra come la Kyenge non conosca la differenza tra burqa e velo. Durante quel dibattito il ministro ha portato argomentazioni vane e vagheggianti dimostrando di non volere affrontare i problemi nel concreto. Smettiamola di farci prendere in giro”, ha affermato Fabio Rainieri, segretario nazionale della Lega Nord Emilia. (I.S)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • belbelpietro

    05 Agosto 2013 - 14:02

    perchè le suore portano in testa il velo? Ricordo che all'asilo, quando, per pura curiosità, tolsi il velo alla suora che mi faceva da insegnante -persona che ricordo ancora con immenso affetto per gli insegnamenti che mi ha dato- venni "messo in castigo". Sarà stato questo trauma infantile a farmi vedere i veli con sospetto?

    Report

    Rispondi

  • herbavoliox

    04 Agosto 2013 - 12:12

    Donna ignorante, e lo avrei detto anche ad una bianca rossa o verde. Quando si è tarati lo si è di qualunque colore. Il razzismo non c'entra, se vuole fare emancipare le donne inizi dalle connazionali col velo e burqa che sono semplicemente inguardabili. Le suore fanno parte della nostra cultura e ci piacciono così, chiaro?? Se non le sta bene se ne torni in congo dove sarà sicuramente più apprezzata. Gli italiani ringraziano.

    Report

    Rispondi

  • alejob

    03 Agosto 2013 - 12:12

    Ma chi ti vuole, se ti esponi in vendita al mercato non hai compratori. Tutti i giornalai sono un poco idioti come te, se non ti danno retta e ti ignorano sei in poco tempo sepolta. Ma i giornalai su di te, stanno facendo soldi e tu da sfasata non lo capisci. Pensi, che quando sei ogni giorno in prima pagina, gli Italiani ti adorano, poveretta, sei proprio da ricovero.

    Report

    Rispondi

  • lallo1045

    02 Agosto 2013 - 20:08

    Vista la sua GRANDISSIMA INTELLIGENZA nel proporre e risolvere i problemi degli italiani, siamo FELICISSIMI se torna in Congo ad aiutare i suoi connazionali ad emanciparsi. Grazie Ministra per la sua accettazione del consiglio. Io non sono razzista, poiché ammiro e stimo gli africani anvendoci lavorato insieme in Africa. Mantengo ancora ottimi rapporti di amicizia con loro. Mi ascolti: segua il mio consiglio. Farà del bene all´Italia ed ai congolesi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog