Cerca

Alla ricerca della exit strategy

Berlusconi, niente amnistia. No del Pd: "Per uno sarebbe un'indecenza"

Tramonta la proposta di Mauro e Cancellieri. Scelta civica scarica il suo ministro, i democratici chiudo la porta. Domani "consiglio di guerra" Pdl ad Arcore

Berlusconi, niente amnistia. No del Pd: "Per uno sarebbe un'indecenza"

Dura una notte la speranza di Silvio Berlusconi di trovare una via d'uscita nell'amnistia. Dopo le chiusure del premier Letta, il Cavaliere confidava nella mano tesa del Quirinale e di almeno una parte del Pd. Ma dal Partito democratico, oggi, sul fronte amnistia sono arrivate solo chiusure. Nessun atto di clemenza, dunque, per il leader del Pdl "Dobbiamo andare avanti per la nostra strada", ha confidato ai suoi, accelerando sulla rotta della crisi di governo. Anche se le colombe del Pdl rilanciano l'ipotesi di uno spiraglio offerto dal Pd, nonostante tutto. Se si votasse sull'amnistia, sarebbe comunque un voto di coscienza e dunque voto segreto.


Il vertice ad Arcore - I margini di manovra per evitare la decadenza da senatore di Berlusconi sono comunque molto stretti, ma in caso di caduta di Letta c'è ancora l'incognita del voto: difficilmente Giorgio Napolitano concederà al Cav una finestra elettorale entro il 2013 e senza riforma del Porcellum. Domani, a Villa San Martino, il leader azzurro vedrà a pranzo lo stato maggiore del partito: ci saranno tra gli altri, il segretario Angelino Alfano, Denis Verdini, Daniela Santanchè, Daniele Capezzone, Maurizio Gasparri, Barbara Saltamartini. Attesi anche i capigruppo, Renato Brunetta e Renato Schifani e i ministri. Si parlerà anche di Imu e Iva (questione che sta scaldando Brunetta) e il lancio di Forza Italia previsto a settembre.

Pd e Scelta civica dicono no - "Amnistia? Mai presa in considerazione" - Ad esprimere la disillusione del Pdl sul fronte exit strategy ci ha pensato oggi anche la colomba Maurizio Lupi: di amnistia "non ne abbiamo mai parlato, ci sono tante proposte in giro, ma non l'abbiamo mai presa in considerazione". Le parole del ministro per le Infrastrutture e Trasporti mettono il cappello a una giornata convulsa, in cui come detto anche quella carta è presto tramontata. Contrari senza se e senza ma il Pd, Sel e Scelta civica, che ha in qualche modo scaricato il proprio esponente Mario Mauro: il ministro della Difesa, ex Pdl, aveva dato parere positivo all'ipotesi amnistia insieme al Guardasigilli Annamaria Cancellieri. "Come già più volte dichiarato nelle scorse settimane, siamo nettamente contrari a un provvedimento di amnistia", ribadiscono Danilo Leva, responsabile   Giustizia e Sandro Favi, responsabile Carceri del Pd, secondo cui anche in questo caso sarebbe un provvedimento ad personam. Rincara la dose Davide Zoggia, responsabile Organizzazione della segreteria nazionale democratica: "Il Pdl insiste nel cercare dal Pd ciò che non può ottenere, perchè è contro la legge. E ora di dire basta. E di finirla anche con i continui ripescaggi dell'idea di amnistia per salvare Berlusconi". "Amnistia come atto politico presuppone guerra civile, prepara uscita di scena degli sconfitti. Non confondiamo gli italiani", scrive su twitter Andrea Romano, deputato di Scelta civica ed esponente della fondazione Italia Fura di Luca Cordero di Montezemolo. Il Pdl invece apriva a Mauro e Cancellieri: "Il blocco dell’amnistia sta producendo conseguenze inaccettabili", dichiarava Fabrizio Cicchitto, mentre per Sandro Bondi "se due membri autorevoli del governo affrontano con serietà e lungimiranza il problema dell amnistia, ciò ha un valore che non può essere eluso, sottovalutato o accantonato da chi ha a cuore le sorti dell’Italia". Discorso chiuso, però, perché per votare un provvedimento di amnistia servono i 2/3 dei voti in Parlamento. Impossibile, in questo scenario.  

Servizi sociali  Si fa però strada l'ipotesi dell'affidamento ai servizi sociali per cui da sempre spingono i legali del Cav e per cui starebbero facendo pressioni anche i figli Marina e Pier Silvio e i vertici Mediaset. I servizi sociali con il rinvio della Severino davanti alla Consulta offrirebbero molti vantaggi a Berlusconi (leggi l'articolo)

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    25 Agosto 2013 - 11:11

    Ecco la sintesi di Berlusconi. Lui comanda, una ragazza - é stato votato - é egiziana e non marocchina. I reati sono altrui ecc.. Contro ogni legge.

    Report

    Rispondi

  • colombinitullo

    24 Agosto 2013 - 18:06

    Caro inumatore guardi che il suo psicanalista è un grande burlone perchè,sapendo con chi ha a che fare,oltre a prenderle i soldi, la prende anche per il culo e lei,che già avendo un'autostima bassa ed essendo anche masochista ed infine perchè "non ci arriva" per le ben note sue limitazioni cerebrali non se ne accorge. Il burlone,godendo come un riccio, la espone al pubblico ludibrio pertanto,se vuole un consiglio, lo lasci per recarsi da uno psichiatra e per far ricrescere l'autostima ritorni ad abbeverarsi alle fonti di verità vicine a lei perchè in questo sito continuerà a prendere dei nomi peggiorando di fatto il suo già fragile equilibrio mentale. Saluti e non strappi i denti d'oro ai cadaveri perchè,con la testa che si ritrova,sarebbe capace di questo ed altro.

    Report

    Rispondi

  • soleados

    24 Agosto 2013 - 15:03

    Caro Ubidoc, io mi adeguo, come linguaggio, al mio interlocutore! Non leggerai MAI una parola offensiva verso colui che usa un linguaggio altrettanto educato verso di me. Per quanto attiene quell'IDIOTA di UNGHIANERA, offendo(ma nel suo caso non sono offese, ma VERITA') perche' lui usa un linguaggio offensivo e scurrile verso tutti. Ecco perche il succitato UNGNHIANERA e' una CLOACA,proveniente da una CLOACA,tendente ad una CLOACA!

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    24 Agosto 2013 - 15:03

    Ti rispondo e dopo vado ad allenarmi al poligono come solitamente sono uso fare di sabato pomeriggio! Io credo che esista una sola categoria di minkioni invece,quella a cui tu appartieni,è quella in cui entrano coloro che sono puri di cuore e le cui convinzioni,tutte,nascono dal fatto che in vita loro non hanno mai vissuto niente che non fosse determinante alla loro formazione mentale privo di situazioni negative!In pratica,i minkioni sono coloro che sono vissuti nella bambagia!Se così non fosse un minimo di giusta malizia nei confronti di alcune procure ti avrebbe posto qualche quesito!Sei più pericoloso tu nella tua ebete incompletezza che chi come me,invece,ha dovuto lottare e vivere situazioni non sempre edificanti,e per ottenere quel poco che onestamente ho ottenuto in vita mia,ho abusato con il sacrificio!Dunque,come vedi so privarmi della scurrilità quando serve,chissà invece,se tu saprai acquistarne un poca per svegliati dal torpore in cui vivi da troppo tempo!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog