Cerca

Ciao Governo

Governo, si dimettono i ministri Pdl

Il Cavaliere chiede ai suoi di mollare Letta, Alfano risponde presente: la delegazione azzurra lascia il governo

Berlusconi e Alfano

Berlusconi e Alfano

Silvio Berlusconi richiama all'oridne i ministri azzurri e Angelino Alfano risponde presente: i ministri del Popolo della Libertà rassegneranno subito le dimissioni. Il Cavaliere si era rivolto a loro chiedendo "le dimissioni subito". Gaetano Quagliariello, ministro delle riforme, aveva detto in mattinata che le dimissioni non ci sarebbero state, ma oggi pomeriggio è arrivata la bacchettata del leader. "Ho invitato la delegazione del Popolo della Libertà al governo a valutare l'opportunità di presentare immediatamente le proprie dimissioni per non essere complici, e per non rendere complice il Popolo della Libertà, di una ulteriore odiosa vessazione imposta dalla sinistra agli italiani". Berlusconi ha preso la sua decisione ad Arcore: al lavoro con lui solo due parlamentari Pdl, Daniela Santanché e Denis Verdini. Vestiti gli abiti del 'falco', il Cavaliere si rivolge direttamente agli uomini del governo: adesso Enrico Letta sembra abbandonato al suo destino visto che dopo le parole di Berlusconi è arrivato l'ok di Alfano: "I ministri del Pdl rassegnano le proprie dimissioni". Adesso è crisi.

Addio Letta - Le parole del vicepremier Alfano sono "a nome dell'intera delegazione Pdl al governo" e si escluno, dunque, defezioni di sorta. Subito dopo Alfano è Gianfranco Micciché a dire di sì al Cavaliere: "Rimetto il mio mandato nelle mani di Silvio Berlusconi", ha detto il sottosegretario alla Pubblica Amministrazione e Semplificazione. Lui, siciliano, è uno dei leader del gruppo di parlamentari isolani che nelle scorse settimane sono stati additati erroneamente come i possibili traditori di Silvio in Senato. Oggi, con il suo rapido sì Micciché togli ogni dubbi sulla fedeltà sicula.

Compatti? - Gli esponenti del Popolo della Libertà sembra che facciano quadrato attorno al leader. Secondo Daniele Capezzone, deputato del Pdl, quella del presidente Berlusconi è "la decisione migliore". Andare avanti non era più possibile perché "la situazione era ed è insostenibile sia dal punto di vista delle scelte fiscali del Governo sia da quello del mancato rispetto da parte della sinistra dei principi democratici e del diritto degli elettori di Forza Italia ad una piena rappresentanza politica e istituzionale". I nodi che hanno portato a questa estrema scelta da parte del Pdl, insomma, sono gli stessi che hanno fatto traballare la maggioranza nelle ultime ore: politica fiscale e decadenza del Cavaliere. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • il leghista monzese

    29 Settembre 2013 - 18:06

    Ma se è una vita che i suoi (SICURAMENTE AMICI) come IL TROTA o CHRY (solo per citarne due) qui scrivono che NOI LEGHISTI siamo de CORNUTI VERDI, DEFICENTI, TONTI e DECEREBRATI, oppure ai sostenitori del PDL il minimo riservato è BANANAS, mentre a Berlusconi i vari NANO, CATRAMATO, PRIAPO ecc ecc non si contano più.!!! Queste secondo Lei sarebbero le argomentazioni che i SANDÌAS come Lei usano per controbattere quelli che secondo Lei sono solo capaci di scrivere KOMUNISTA. MA VA A CIAPÀ I RATT!!!! Saludos

    Report

    Rispondi

  • voiturderi

    29 Settembre 2013 - 16:04

    Inutile stare qui a girare la frittata. Ma mentre tu non mi rispondi alla mia domanda io ti rispondo. Andreotti è stato assolto per reato prescrtitto e al di la di tutto nella sua corrente aveva personaggi, che lui proteggeva, coinvolti con la mafia. Craxi sappiamo tutti quello che ha fatto, lui stesso l'ha confessato in Parlamento. Con questo non voglio dire certo che a sinistra siano tutte mammole anzi tutt'altro. Ora aspetto che tu risponda alla mia domanda

    Report

    Rispondi

  • IlBecchino

    29 Settembre 2013 - 13:01

    Missione impossibile mia cara signora Mariaester. Il livello di Libero è adatto per convincere i bananas, sono articoli scritti appositamente per gente semianalfabeta, ignorante, intellettualmente assai poco dotata, priva di senso dell'umorismo, di ironia ed autoironia, in sintesi i bananas (e questo suo post è in questo senso "emblematico"). La missione la svolgiamo noi nel tentativo, per lo più vano, di aprirvi gli occhi.

    Report

    Rispondi

  • IlBecchino

    29 Settembre 2013 - 12:12

    Per pagare quella che mi spetta. Comunque beato lei, ma avrebbe preferito non pagarla e far pagare più IVA alla vecchietta pensionata a 480 euro/mese? Non aspetto la risposta, se è favorevole al pagamento da parte di chi può permetterselo sono con lei, se invece non la volesse pagare e gli altri meno fortunati si fottano, le posso dire che sarebbe una VERA MERDA di persona.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog