Cerca

La nuova Dc

Passera, Follini e Casini
a cena da De Mita
per costruire il nuovo centro

Ciriaco De Mita e Pier Ferdinando Casini

Il nuovo centro che avanza va a cena da...Ciriaco De Mita.  Vecchia Dc e nuove prospettive questi i temi sul tavolo della casa romana di De Mita a cui hanno partecipato Pierferdinando Casini, Corrado Passera e Marco Follini. L’onda d’urto delle scissioni nel   Pdl e in Scelta civica accelera i movimenti al centro dello   schieramento, dove il progetto popolare comincia a prendere forma.   Rocco Buttiglione, presidente dell’Udc, anticipa i tempi, ipotizzando   un rassemblement lungo l’asse Casini-Mauro-Alfano, ma i centristi più  prudenti per ora guardano all’immediato futuro.

 Manovre al centro - Dietro l’angolo, c'è la prova generale della nuova entità   vocata in mesi, se non anni, di concilaboli, convegni e kermesse:  venerdì 29 novembre il Consiglio nazionale dell’Udc analizzerà in un albergo  romano la situazione di chiarezza creatasi con il big bang del cartello con i montiani e le prospettive organizzative e politiche   interne del progetto popolare che è stato in parte all’origine del  fallimento di quell'esperienza. Insieme alla necessità di garantire   all’esecutivo Letta una navigazione senza scosse eccessive da parte di  un soggetto centrista per definizione responsabile e fautore della   governabilità in una situazione economica difficile.   Una verifica sul campo che sarà fatta già il giorno dopo,   sabato 30, con l’Assemblea popolare convocata al teatro Quirino alle  10.30 dove si ritroveranno insieme Pier Ferdinando Casini e Mario   Mauro e i rispettivi stati generali con esponenti del mondo   imprenditoriale, giovani, società civile. L’idea è di posare la   prima pietra dell’edificio popolare in Italia. La rapidità di   esecuzione ha suscitato le proteste di un ex come Mario Tassone che   rilancia a sua volta la Cdu e denuncia come "fatto gravissimo"   un’assemblea convocata per battezzare un nuovo soggetto politico senza  aspettare le decisioni del Consiglio nazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gicchio38

    22 Novembre 2013 - 07:07

    POVERI ILLUSI E QUESTA SARA' LA FINE DEFINITIVA PER VOI UNA VOLTA PER TUTTE.

    Report

    Rispondi

  • rocc

    21 Novembre 2013 - 19:07

    mi ricordo che per un lungo periodo il centrodestra al governo non potette in pratica governare perché ne era impedito da un trio in -ini: Follini, Casini, Fini (che a rigore dovevano appoggiarlo). Casini invocava tutti i giorni la discontinuità, Follini criticava a tal punto che dopo se ne andò (a sinistra ovviamente), Fini tradiva...Berlusconi inoltre mise a presidenti della Camera individui contro, non solo i citati Casini e Fini, ma anche la Pivetti e Scognamiglio. Errori imperdonabili da parte del Cav., non so se per eccessivo buonismo, fiducia malriposta,.... errori che si pagano.

    Report

    Rispondi

  • rawing

    21 Novembre 2013 - 19:07

    Ma quando è stato riesumato questo individuo immondo, che schifo i democristi come li chiamava il buon Almirante.

    Report

    Rispondi

  • colombinitullo

    21 Novembre 2013 - 18:06

    Due immondi democristiani falsi ed il tirapiedi di De Benedetti; tutti e tre da sopprimere.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog