Cerca

La storia

Roma, niente visita al Quirinale: "Sei autistico". Bufera e frettolosa retromarcia

Roma, niente visita al Quirinale: "Sei autistico". Bufera e frettolosa retromarcia

"Quando l'ho portato via con me sotto gli occhi dei dei compagni, tutti vestiti con maglietta e cappellino rosso e azzurro, volevo solo piangere vedendo la delusione nei suoi occhi". Parla la signora Lucia, la mamma di Antonio, 12 anni, un ragazzino escluso dalla visita al Quirinale. Il motivo? E' autistico. I suoi compagni avrebbero partecipato alla grande cerimonia dei saluti al Colle, ma la sua presenza non era prevista.

La delusione - "Mi hanno chiamato alle 9.30 dalla scuola perché andassi a prenderlo entro le 10.30 perché la classe andava al Quirinale" continua la donna. Nessuno aveva preso in considerazione Antonio per la kermesse quirinalizia, l’insegnante di sostegno non ne sapeva nulla, nessuna nota di avvertimento sul diario, nessuna telefonata per chiedere alla famiglia di partecipare all'evento scrive Gianluca Nicoletti su La Stampa di oggi. Il tutto è piuttosto strano, visto e considerato che la scuola è la rinomatissima "Federico Di Donato” nel quartiere Esquilino, fiore all'occhiello dell'inclusione: insomma l'istituto più politically correct che c'è, almeno per i pargoli della borghesia romana.

La rabbia - Ma mamma Lucia non è una che si fa intimorire e crea un tam tam mediatico tale che pure il regista Paolo Sorrentino si appassiona alla storia. I genitori dei compagni imbastiscono un'immediata protesta di mamme e padri solidali alla causa: insieme cominciano a tempestare la scuola di telefonate indignate. La polemica divampa poi sul web e la frittata e ben che fatta. Così la scuola corre ai ripari: la vicepreside chiama la famiglia e si offre di accompagnare personalmente il ragazzo alla cerimonia.

Il presidente - La svolta qualche ora dopo: il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano chiede di conoscere Antonio personalmente. Detto fatto, una macchina corre a prendere il bimbo e la madre. Tra autorità, guardie del corpo e portavoci il piccolo Antonio si fa prima un giro del Colle accompagnato da un corazziere in borghese e poi, come nelle migliori favole a lieto fine, lui e la madre stringono la mano alla ministra Giannini in primis e successivamente proprio al presidente della Repubblica. Tutto è bene quel che finisce bene? Quasi, perchè la madre ha avuto giustizia alla fine, ma ha dovuto appellarsi al presidente in persona.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • egobz

    24 Settembre 2014 - 09:09

    Questo dimostra quanti rincoglioniti ci sono a tutti i livelli tra i dipendenti/dirigenti e alti papaveri dell´amministrazione pubblica. Dovrebbero essere buttati fuori senza stipendio dai posti che indegnamente occupano.

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    23 Settembre 2014 - 20:08

    Capito? E Re Giorgio ci ha fatto pure la bella figura. Ora passa per quello che, come Gesù Cristo, dice "Sinite parvulos venire ad me (lasciate che i fanciulli vengano a me). Ecco che significa REGIME!

    Report

    Rispondi

  • ulanbator10

    23 Settembre 2014 - 20:08

    I Professori sono la classe piu' inutile ed ignorante che si possa conoscere. Pieni di boria e fannulloni per definizione. Prof. Monti, Prof.ssa Fornero ecc. ecc. docent ( al plurale )

    Report

    Rispondi

  • rosita.villa

    23 Settembre 2014 - 20:08

    io se fossi stata la mamma non sarei entrata neanche morta, avrei preteso che Giorgio Napolitano se voleva conoscere mio figlio usciva a prenderlo lui ............ morti di fame solo dopo una vigorosa sollecitazione si muovono ................ VERGOGNA ................. anch'io sono mamma di un disabile e solo io so quante umiliazioni bisogna subire

    Report

    Rispondi

    • infofabiofortuna

      25 Settembre 2014 - 03:03

      Brava! Capisco le umiliazioni quotidiane anche io con mio figlio ho gli stessi problemi. Anche le esclusioni legate agli avvenimenti scolastici..... fanno male per chi crede nell'inclusione tra alunni. Siamo tutti solidali.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog